Venerdì 21 Giugno 2024

Corruzione, l’ex patron del Livorno Aldo Spinelli agli arresti domiciliari

Maxi indagine della Procura di Genova e della guardia di finanza. Agli arresti domiciliari Giovanni Toti, presidente della regione Liguria

Aldo Spinelli

Aldo Spinelli

Livorno, 7 maggio 2024 – Non solo il governatore ligure Giovanni Toti. Nella maxi indagine della Procura di Genova e dalla Guardia di finanza sono coinvolte altre nove persone destinatarie di misure coercitive e interdittive. L'ex presidente dell'Autorità portuale e attuale amministratore delegato di Iren, Paolo Emilio Signorini, è stato arrestato e condotto in carcere con l'accusa di corruzione per l'esercizio della funzione e per atti contrari ai doveri d'ufficio. Il noto imprenditore portuale ed ex presidente del Livorno, Aldo Spinelli, è destinatario della misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l'attività imprenditoriale e professionale, accusato di corruzione nei confronti del governatore Toti. Nei confronti di Signorini, Aldo Spinelli e il figlio Roberto, il gip ha disposto anche il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie e beni per 570.000 euro, ritenuti profitto dei reati di corruzione contestati.

Secondo l'inchiesta che ha portato ai domiciliari il presidente della Regione Liguria, coordinata dai pm Federico Manotti e Luca Monteverde, l'imprenditore avrebbe dato soldi a Toti per ottenere in cambio favori come la concessione a Spinelli per le aree del terminal Rinfuse.