Simona e Maura Viceconte
Simona e Maura Viceconte

Teramo, 15 febbraio 2020 - Dietro il suicidio di  Simona Viceconte potrebbe esserci una vicenda di maltrattamenti. Il marito della 45enne, che si è tolta la vita giovedì scorso nello stesso modo in cui la fece finita, un anno fa, la sorella maratoneta Maura (primatista dei 10 mila metri di fondo) è indagato per maltrattamenti e per responsabilità per dolo o colpa.

L'uomo è stato raggiunto da un avviso di garanzia emesso dalla Procura di Teramo, atto necessario all'autopsia che è stata affidata in mattinata ed è attualmente in corso. L'avviso di garanzia è un atto dovuto in presenza di un accertamento irripetibile come l'autopsia che consente all'indagato di nominare un proprio consulente, che l'uomo non ha nominato.

La legale del vedovo, Antonietta Ciarrocchi, da parte sua fornisce una versione quasi opposta: "Non c'è stata mai denuncia per maltrattamenti e l'unica questione in piedi tra la coppia era la imminente udienza di comparizione per la separazione consensuale".

Il fascicolo giudiziario è stato aperto dal pm Enrica Medori: ipotesi il reato di maltrattamenti e l'articolo 42 comma 3 del codice penale sulla responsabilità obiettiva nel reato. Una iscrizione dovuta, si apprende negli ambienti giudiziari, per permettere di disporre l'autopsia e di chiarire alcuni aspetti ancora irrisolti dalle indagini. L'esame necroscopico, affidato all'anatomopatologo Giuseppe Sciarra e in corso all'ospedale Mazzini di Teramo, dovrà tendere a chiarire l'eventuale segno obiettivo di maltrattamenti, così come di eventuali terapie antidepressive o l'esistenza di gravi patologie.