Giovedì 16 Maggio 2024
RITA BARTOLOMEI
Scomparsi

Cristina Golinucci, l’indagine a un bivio. L’avvocato Iannuccelli: “Cosa ci aspettiamo e cosa faremo”

Barbara Iannuccelli, che dal 2021 assiste la mamma della 21enne scomparsa il 1 settembre 1992: “Tante persone hanno chiesto di essere ascoltate dalle forze di polizia. Per arrivare fin qui ci abbiamo messo il cuore”

Cesena, 9 aprile 2024 - La scomparsa di Cristina Golinucci resta un mistero. E resta l’attesa della mamma Marisa Degli Angeli.

"Il tempo delle nuove indagini è scaduto il 12 marzo, ora spetta alla Procura decidere”, riassume l’avvocato Barbara Iannuccelli. Dal 2021 il legale assiste la mamma della 21enne scomparsa il 1 settembre 1992 da Cesena.

Marisa degli Angeli, mamma di Cristina Golinucci
Marisa degli Angeli, mamma di Cristina Golinucci

Cristina Golinucci scomparsa, cosa succede ora

“Questa attesa è normale – ragiona il legale -.  I 3 mesi si riferivano al compimento degli atti di indagine. Potrebbe essere un segnale di grande ponderazione”.

La testimonianza della parrucchiera

Iannuccelli considera importante la testimonianza di una parrucchiera “che quel 1 settembre del 1992 sentì Cristina litigare con un uomo, di cui ha fornito una descrizione, nel piazzale del convento dei Cappuccini. Quell’uomo l’ha caricata in auto e l’ha portata via? Oppure stiamo parlando di un evento importante che però non c’entra nulla con la fine di Cristina? Sarà la procura a spiegarcelo”.

Il bivio delle indagini

Ma che cosa può accadere ora? “La procura può richiedere l’archiviazione o il rinvio a giudizio. Nel primo caso, ci opporemo di nuovo”, anticipa l’avvocato.

Nessun indagato

In questo mistero, non ci sono mai stati indagati. “Ma dal 2010 una nuova linfa investigativa ha portato elementi importanti. Purtroppo, i reati erano già ampiamente prescritti”.

L’avvocato Iannuccelli usa parole dirette: “Non credo che porteremo qualcuno a processo, non credo che qualcuno sarà condannato e finirà in carcere. Perché mancano le prove che oggi il sistema Cartabia ci impone. Ci abbiamo messo il cuore per arrivare fin qui. La più grande soddisfazione? Sentire Marisa che ringraziava il nostro team per avere fatto luce su una realtà che non conosceva. Tante persone anche negli ultimi giorni hanno chiesto di essere ascoltate dalle forze di polizia perché questa indagine ha scoperchiato l’esistenza di un predatore sessuale mai formalmente indagato. E questo ha creato sdegno e sconforto in città”.

La scomparsa di Cristina Golinucci

Cristina Golinucci è sparita nel pomeriggio del 1 settembre 1992. “Ciao mamma, ci vediamo stasera”: poi si è diretta con la sua Cinquecento a un appuntamento con il suo padre spirituale, nel convento dei Cappuccini. 

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn