Ombre sull’inchiesta Qatargate. L’audio del capo della polizia belga:: "Panzeri mente, ci prende in giro"

L'ispettore capo della polizia di Bruxelles mette in dubbio la credibilità di Panzeri, gola profonda dell'inchiesta sulla corruzione tra Bruxelles, Doha e Rabat. La fiducia nella giustizia è messa in discussione, mettendo a rischio l'intera indagine.

Ombre sull’inchiesta Qatargate. L’audio del capo della polizia belga:: "Panzeri mente, ci prende in giro"

Ombre sull’inchiesta Qatargate. L’audio del capo della polizia belga:: "Panzeri mente, ci prende in giro"

"Non crediamo a niente di quello che dice Panzeri. Sappiamo benissimo che ci sta prendendo in giro. Ma esploderà tutto", dice l’ispettore capo della polizia di Bruxelles, Ceferino Alvarez-Rodriguez, in un audio depositato dalla difesa di Francesco Giorgi, indagato illustre dell’inchiesta che nel dicembre 2022 scosse il Parlamento Ue puntando dritta sulla trama di corruzione tra Bruxelles, Doha e Rabat orchestrata dall’ex eurodeputato poi pentito Pier Antonio Panzeri. Una conversazione registrata di nascosto quando Giorgi era ai domiciliari. Poi la critica al sistema: avere "fiducia nella giustizia oggi è da pazzi, perché è mossa dai fili della politica". Considerazioni che gettano ombre pesanti sulla credibilità della gola profonda Panzeri, sulle quali si basa parte dell’ipotesi accusatoria. Mettendo così a rischio di flop l’intera inchiesta.