Venerdì 19 Aprile 2024

Motociclista morto a Teramo, perché la catena si trovava tra gli alberi. La drammatica ricostruzione dell’incidente

Lo scontro sarebbe avvenuto nei pressi di una proprietà privata, appositamente delimitata con l’oggetto in acciaio per evitare incursioni

Damiano Bufo (Ansa)

Damiano Bufo (Ansa)

Teramo, 18 marzo 2024 – Continuano le indagini sul tragico incidente che ieri pomeriggio a San Nicola di Bisenti (Te) ha spezzato la vita di Damiano Bufo. Mentre stava facendo motocross insieme ad alcuni amici, il 25enne si è scontrato con una catena d’acciaio tesa tra due alberi. A nulla sono serviti i soccorsi, per il giovane è stato troppo tardi: il violento impatto gli ha causato gravi lesioni e una violenta emorragia, rivelatesi fatali. 

Approfondisci:

“Scontro in motocross con una catena d’acciaio tesa tra due alberi”. Incidente a Teramo, muore 25enne

“Scontro in motocross con una catena d’acciaio tesa tra due alberi”. Incidente a Teramo, muore 25enne

I primi interrogativi del nucleo investigativo di Teramo sono stati relativi al perché ci fosse una catena in mezzo alla strada sterrata sulla quale Bufo stava praticando il suo hobby. Ad averla apposta – ormai anni fa – sarebbe stato l’anziano proprietario del terreno, esasperato dai continui sconfinamenti e incursioni. L’uomo è morto diversi mesi fa.

Stando alle prime ricostruzioni, Bufo si sarebbe introdotto nel terreno privato da un ingresso secondario, e non da quello principale. Al momento non ci sono indagati e il caso è trattato come un incidente stradale. 

La famiglia dell’anziano si è detta colpita nel profondo dalla tragedia, ma ha preferito non rilasciare dichiarazioni visto che le indagini sono ancora formalmente in corso. 

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui