Giovedì 25 Luglio 2024
LUCIA GENTILI
Cronaca

Morte all’isola di Madeira. Psichiatra italiana in vacanza travolta dall’onda anomala. Nuotava tra gli scogli

La madre, ex sindaco nel Maceratese, le stava scattando foto in quel momento. Un turista connazionale (un pompiere toscano) si è tuffato e ha tentato di salvarla. La piscina naturale era senza bagnino, l’ira dei genitori: mai più tragedie del genere.

Morte all’isola di Madeira. Psichiatra italiana in vacanza travolta dall’onda anomala. Nuotava tra gli scogli

Morte all’isola di Madeira. Psichiatra italiana in vacanza travolta dall’onda anomala. Nuotava tra gli scogli

MADEIRA (Portogallo)

Tragico incidente in Portogallo per una giovane psichiatra di 28 anni, Margherita Salvucci, residente a Padova ma originaria di Colmurano, nel Maceratese. Era con la mamma Ornella (ex sindaca del paese), il papà Piergiovanni e la sorella Ester in vacanza, per una ricorrenza familiare. Giovedì si trovavano a Seixal, nell’isola di Madeira (l’isola dove è nato il fenomeno mondiale del calcio Cristiano Ronaldo), in una delle piscine naturali del posto, con gli scogli intorno.

La mamma stava scattando le foto. Una situazione normale, tranquilla, durante la villeggiatura. Che, secondo le ricostruzioni, sarebbe cambiata improvvisamente, in un paio di minuti: un’onda anomala e potentissima avrebbe scavalcato il muretto che delimita la zona dall’oceano, e travolto Margherita.

I presenti hanno lanciato alla ragazza un salvagente, ma non è riuscita a prenderlo, continuando ad andare giù, a fondo. Un turista toscano, di nome Manuel, pompiere in borghese, si è tuffato rischiando lui stesso la vita. Ma quando l’ha portata a riva, la 28enne era già incosciente. La barca per andare a prenderla avrebbe impiegato una ventina di minuti; altro tempo, per forza di cose, è servito per portarla all’ospedale più vicino.

Purtroppo ieri il cuore di Margherita ha cessato di battere. "Non deve succedere mai più una cosa simile", hanno dichiarato i genitori tramite un loro parente, evidenziando la pericolosità di quel punto, "senza bagnino". E, nonostante l’immenso dolore, ci tengono a ringraziare il turista per aver provato a tratte in salvo la figlia.

Gli interventi di salvataggio sono continui in quel luogo perché nel giro di pochi minuti le onde possono alzarsi repentinamente. Due le comunità sotto choc, Colmurano e Padova. "Ci stringiamo forte alla famiglia. Incontravo Margherita d’estate, era ancora legata al suo paese". Sono le parole di Mirko Mari, sindaco del paesino dell’entroterra maceratese.

Centinaia e centinaia, in poche ore, i messaggi di affetto e incredulità per la ragazza. "Una notizia, così incomprensibile, assurda, dinanzi alla quale un dolore immenso, muto, ci accomuna tutti. Siamo vicini a Ornella, Piergiovanni, Ester e tutta la famiglia, offrendo preghiere e affetto. Ciao Margherita", è il messaggio della parrocchia di San Donato.

"È stata la mia educatrice in uno dei miei primi campo scuola", aggiunge un compaesano. Senza parole anche le colleghe della mamma. Amante della natura e della vita, Margherita era stata una studentessa brillante (in medicina prima e poi alla specializzazione in psichiatria) e sapeva farsi benvolere. "Ricorderemo sempre il tuo sorriso", è il pensiero comune, nell’incredulità di fronte a fine simile.

Non si conosce ancora la data del ritorno della salma in Italia; potrebbero passare alcuni giorni prima del nullaosta, tramite l’ambasciata italiana. Per ora tra i concittadini restano lacrime e silenzio.