Morta assiderata a 16 anni, l’ipotesi inquietante: cellulare scarico per il freddo

San Candido (Bolzano), la giovane turista tedesca era uscita per una passeggiata nel bosco a -15 gradi. Aveva indumenti non adatti alle temperature. Impossibile geolocalizzare il telefono

Turista tedesca 16enne morta per assideramento nei boschi di San Candido (Ansa)
Turista tedesca 16enne morta per assideramento nei boschi di San Candido (Ansa)

Bolzano, 14 gennaio 2024 – E’ morta per il freddo. L’autopsia sul corpo della 16enne tedesca trovata senza vita in un bosco sopra San Candido ha confermato che il decesso è “verosimilmente compatibile con l'assideramento”. Nessuna lesione o traumi che facciano pensare a un incidente o addirittura a un’aggressione.

La giovane era in vacanza il Alta Val Pusteria, in Alto Adige: venerdì mattina alle 7 ha lasciato un biglietto ai genitori ed è uscita dall’agriturismo dove alloggiava, a San Candido, per una passeggiata. Ma non ha fatto rientro. Fuori il termostato segnava -15 gradi. 

I genitori hanno provato a chiamare la figlia naturalmente ma il suo cellulare risultava irraggiungibile. E così hanno dato l’allarme. Decine di uomini di soccorso alpino, guardia di finanza, volontari dei vigili del fuoco sono stati impegnati nelle ricerche, condotte col supporto di droni e di un elicottero. Impossibile geolocalizzare il telefono della ragazza che, secondo l’ipotesi più accreditata, si sarebbe spento proprio a causa delle basse temperature, proibitive anche per un dispositivo elettronico. 

A fiutare il corpo ormai esanime è stato un cane delle unità cinofile: era in un bosco non lontano da un sentiero su Monte San Candido, a 1400 metri di altezza. Addosso la 16enne aveva indumenti troppo leggeri per resistere ore sotto zero.