Martedì 18 Giugno 2024

Monte Bianco: individuati due cadaveri a 3.800 metri, forse sono gli alpinisti dispersi dall’11 luglio

Le temperature elevate di questi giorni hanno consentito un nuovo sorvolo sulla cresta del Brouillard

Un elicottero del soccorso alpino (Getty Images)

Un elicottero del soccorso alpino (Getty Images)

Aosta, 23 agosto 2023 – Due cadaveri sono stati individuati sulla cresta del Brouillard (Monte Bianco), a 3,800 metri. Potrebbe trattarsi dei corpi di Maurizio Crosetti e Dino Ruotolo, i due alpinisti piemontesi dispersi dallo scorso 11 luglio. Le temperature elevate di questi giorni, con il conseguente scioglimento della neve, hanno creato le condizioni ottimali per effettuare oggi un sorvolo in elicottero da parte del soccorso alpino valdostano. Il punto di avvistamento evidenzia una caduta di quasi 900 metri dalla cresta. Nonostante le condizioni di volo favorevoli, tuttavia, non è stato possibile procedere alla loro identificazione e al loro recupero, a causa delle numerose e consistenti scariche di sassi, che rendono impossibile l'avvicinamento in elicottero e la posa in parete del personale tecnico.

Approfondisci:

Austria, il ghiacciaio si scioglie: trovato il corpo di un alpinista scomparso 22 anni fa

Austria, il ghiacciaio si scioglie: trovato il corpo di un alpinista scomparso 22 anni fa

Crosetti e Ruotolo avevano contattato la Centrale unica del Soccorso nella mattinata del 10 luglio, riferendo di essere in difficoltà a quota 4.350 metri, a causa delle condizioni del terreno. Erano stati avvistati dall'equipaggio dell'elicottero, ma due tentativi di recupero non erano andati a buon fine, a causa del forte vento in quota. I due avevano quindi deciso di fermarsi nella loro ascensione e pernottare, viste le temperature non proibitive del periodo e l'equipaggiamento in dotazione. Alle ore 21 del 10 luglio avevano riferito di essere in buone condizioni fisiche e che il mattino seguente avrebbero ripreso la salita in maniera autonoma. Dopo questa comunicazione però si erano persi i contatti.

I sorvoli sulla cresta e lungo la via alla vetta del Monte Bianco, scattati a seguito della segnalazione di mancato rientro da parte dei parenti, non avevano dato risultato. Nei giorni successivi erano stati compiuti ulteriori sorvoli, tutti con esito negativo. Le ricerche erano quindi state sospese a seguito della neve e del forte vento. Oggi il nuovo tentativo e la scoperta dei due cadaveri.