Sabato 22 Giugno 2024

Un mini sommergibile per trasportare la droga. Smantellata organizzazione di narcotrafficanti italo-albanese

L’organizzazione, con base logistica in provincia di Torino, avrebbe rifornito le maggiori piazze di spaccio italiane

Torino, 14 maggio 2024 - Un mini sommergibile avrebbe trasportato la droga in barba ai controlli per una un'organizzazione criminale italo-albanese operante tra Ecuador, Belgio, Francia, Spagna, Albania e Italia. La rete di narcotrafficanti è stata smantellata stamane nell'ambito dell'operazione "Car Wash", denominata così perché partita da accertamenti su gestori di autolavaggi sorpresi a coltivare alcune piantagioni di marijuana.

Un mini sommergibile per trasportare la droga
Un mini sommergibile per trasportare la droga

Rifornivano di droga le maggiori piazze di spaccio in Italia

Con pazienza gli investigatori sono riusciti a ricostruire la ragnatela di illegalità nascosta dietro la droga scoperta duranti i primi passi delle indagini arrivando all'associazione criminale con la base logistica in provincia di Torino e sospettata di rifornire le maggiori piazze di spaccio italiane grandi quantità di cocaina, hashish e marijuana.

A capo due fratelli di origine albanese

A capo dell'organizzazione i carabinieri hanno indicato due fratelli di origine albanese che, grazie a grandi disponibilità economiche, avrebbero reclutato gli "operai della droga" in Italia e in Albania per il trasporto e la custodia degli stupefacenti.

Un mini sommergibile per la droga
Un mini sommergibile per la droga

Il sommergibile della droga

La droga, secondo le indagini, arrivava dall’Ecuador in Olanda, Spagna e Francia, nascosta nei sotto fondi delle auto, ma i narcotrafficanti avevano in progetto anche di utilizzare un mini sottomarino, guidato da remoto, per ridurre i rischi di essere scoperti. L'inchiesta è stata coordinata dalla Dda di Torino, le indagini sono state condotte dai carabinieri del nucleo operativo del comando provinciale del capoluogo piemontese in collaborazione con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, l'Ufficio dell'Esperto per la sicurezza a Tirana e l'Ufficio Centrale Nazionale Interpol della Polizia albanese. Gli arresti sono stati effettuati in Italia provincie di Torino e Frosinone, e in Albania. In totale sono stati sequestrati oltre 204 chili di droga, tra cocaina, hashish e marijuana.