Milei giura: "Niente soldi, riforme choc". E anche Zelensky vola a omaggiarlo

BUENOS AIRES È stato un primo discorso crudo e senza concessioni quello del neo presidente...

Milei giura: "Niente soldi, riforme choc". E anche Zelensky vola a omaggiarlo
Milei giura: "Niente soldi, riforme choc". E anche Zelensky vola a omaggiarlo

È stato un primo discorso crudo e senza concessioni quello del neo presidente Javier Milei agli argentini. "Per fare una politica di gradualismo c’è bisogno di soldi e, mi dispiace ripeterlo, i soldi non ci sono. Quindi non c’è alternativa all’aggiustamento e a una politica choc", ha avvertito. Un resoconto fatto direttamente ai suoi sostenitori riuniti nella piazza di fronte al Congresso contravvenendo per la prima volta nella storia argentina alla tradizione che voleva che il primo discorso del presidente venisse rivolto alle Camere riunite. Dalla scalinata di fronte alla piazza del parlamento, l’outsider ultraliberista ha chiarito quindi che per il Paese non c’è redenzione possibile senza sacrifici.

"La sfida è enorme, ma preferisco dire una verità scomoda piuttosto che una menzogna confortante", ha detto Milei. E la verità per il leader argentino è che il drastico programma di riordinamento economico e fiscale che vuole portare avanti "avrà un impatto negativo sull’attività, sull’occupazione, sui salari reali e sulla quantità di poveri e indigenti". Un panorama, ha sottolineato ad ogni modo, "non dissimile da quello attraversato negli ultimi 12 anni, dove il Pil pro capite è calato del 15% con un’inflazione accumulata del 5000%". "È più di un decennio che viviamo in un contesto di stagnazione", ma la differenza con il passato per Milei è che nel suo caso "si tratterà dell’ultimo sorso amaro che dovrà bere l’Argentina prima di avviare la ricostruzione" e aprire una "nuova era di pace e prosperità".

La cerimonia di insediamento e la lista di invitati internazionali ha fornito anche una prima fotografia di quale sarà l’orientamento del nuovo governo in materia di politica estera. La presenza del leader ucraino Volodymyr Zelensky segna una netta svolta rispetto all’orientamento del precedente governo di Alberto Fernandez, mai deciso nel sostenere Kiev contro l’invasione russa. Zelensky e Milei si sono salutati calorosamente sulla scalinata del Congresso al termine del discorso del neo presidente. Attraverso il suo account X, il capo dello Stato ucraino ha poi salutato il "nuovo inizio" per l’Argentina.