Lunedì 20 Maggio 2024

Matteo Falcinelli, gli Usa: “Riconosciamo le preoccupazioni dell’Italia”

Il Dipartimento di Stato: monitoriamo gli sviluppi. La mamma: disumani con mio figlio

Washington, 8 maggio 2024 – Arriva la prima reazione ufficiale del governo Usa sul caso di Matteo Falcinelli, arrestato e incaprettato per 13 minuti a Miami dagli agenti di polizia. “Riconosciamo le preoccupazioni sollevate dal governo italiano e dalla famiglia Falcinelli sulle circostanze dell'arresto di Matteo Falcinelli a Miami. Ci risulta che la polizia di Miami abbia aperto un'indagine interna su questo caso. Continueremo a monitorare questi sviluppi”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato americano all'ANSA, rispondendo a una domanda sull'arresto violento dello studente italiano a Miami.

Matteo Falcinelli, il giovane italiano fermato dagli agenti a Miami, in una foto segnaletica dopo l'arresto (Ansa)
Matteo Falcinelli, il giovane italiano fermato dagli agenti a Miami, in una foto segnaletica dopo l'arresto (Ansa)
Approfondisci:

Caso Falcinelli, la battaglia legale. Pronto a entrare in scena il legale di George Floyd

Caso Falcinelli, la battaglia legale. Pronto a entrare in scena il legale di George Floyd
Approfondisci:

Miami, reportage dal night trappola: luci basse, drink e strani scontrini. "Così Matteo è stato raggirato"

Miami, reportage dal night trappola: luci basse, drink e strani scontrini. "Così Matteo è stato raggirato"

Il Dipartimento di Stato americano, ha spiegato il suo portavoce, “lavora diligentemente per garantire che le forze dell'ordine statunitensi rispettino i loro obblighi legali in materia di notifica e accesso consolare quando cittadini stranieri sono detenuti negli Stati Uniti, in conformità con la legge nazionale applicabile e in conformità con gli obblighi internazionali, nello stesso modo che ci aspettiamo che i governi stranieri trattino i cittadini statunitensi all'estero”.

La mamma di Matteo, Vlasta Studenicova, in trincea dal giorno dell’arresto del figlio per la ricerca della verità, è entrata nei dettagli di quella maledetta sera. Matteo è stato sottoposto a “tortura e mi permetto di dire, a mio avviso, anche arresto infondato: hanno fatto una cosa disumana, che mi ricordo di aver visto a scuola quando ci facevano vedere film di come la Gestapo torturava i prigionieri nei campi di concentramento. Hanno superato ogni limite”, ha detto. Su indicazioni il giovane di Spoleto non può parlare pubblicamente e così la donna si fa portavoce di questa battaglia. “Se la violenza negli Stati Uniti è toccare involontariamente la targhetta di un ufficiale, allora quello che hanno fatto a Matteo come lo vogliamo chiamare?”, racconta dalla Florida International University dove, nonostante tutto, Matteo ha concluso il semestre con successo con due A e una A-.