Domenica 26 Maggio 2024

Luca Sammartino, vicepresidente della Sicilia sospeso per corruzione mentre lo zio Claudio indaga per mafia a Bari

Claudio Sammartino è uno dei componenti della commissione nominata dal Viminale che valuta eventuali infiltrazioni mafiose al Comune pugliese

Catania, 17 aprile 2024 – Un “legame familiare”, più che altro una “curiosità” lega le vicende giudiziario/politiche che stanno coinvolgendo Bari e la Sicilia. infatti Luca Sammartino, esponente della Lega e vice presidente della Regione Siciliana, è il nipote del prefetto in quiescenza Claudio Sammartino, uno dei componenti della commissione di accesso nominata dal Viminale che valuta eventuali infiltrazioni mafiose al Comune di Bari.

Voto scambio e corruzione,sospeso vice governatore Sicilia
Voto scambio e corruzione,sospeso vice governatore Sicilia

Claudio Sammartino è stato prefetto di Catania. Da quanto risulta – riporta l’agenzia Ansa – , tra zio e nipote non c'era consuetudine di rapporti, ma soltanto delle frequentazioni familiari.

Luca Sammartino, vice presidente della Regione e assessore all'Agricoltura nel governo di Renato Schifani è infatti indagato per corruzione nell'inchiesta Pandora della Procura di Catania  su presunte infiltrazioni al Comune di Tremestieri Etneo e il gip ha disposto la sua sospensione per un anno dalle funzioni pubbliche. Un’indagine che ha portato oggi all’arresto di 11 persone fra politici, imprenditori e funzionari pubblici.

Approfondisci:

Chi è Luca Sammartino, “l’acchiappavoti” passato dall’Udc alla Lega (attraverso Pd e Italia Viva)

Chi è Luca Sammartino, “l’acchiappavoti” passato dall’Udc alla Lega (attraverso Pd e Italia Viva)

Un’inchiesta davanti alla quale non può subito venire in mente quanto sta accadendo a Bari dove, le indagini sugli intrecci fra politica e criminalità stanno facendo molto clamore. A legare le due vicende c’è anche il nome della famiglia Sammartino, in questo caso non sotto il profilo giudiziario. Infatti, come detto, Luca Sammartino, esponente della Lega e vice presidente della Regione Siciliana, è il nipote del prefetto in quiescenza Claudio Sammartino, uno dei componenti della commissione di accesso nominata dal Viminale che valuta eventuali infiltrazioni mafiose al Comune di Bari.