Il gatto Leone scuoiato vivo, Angri si mobilita. Fiaccolata contro la barbarie

L’animale è stato trovato in strada agonizzante. Quattro giorni dopo è morto. Il deputato Borrelli: “L’assassino sia assicurato alla legge”

Gatto Leone, una fiaccolata per chiedere giustizia ad Angri
Gatto Leone, una fiaccolata per chiedere giustizia ad Angri

Angri, 13 novembre 2023 – La morte del gatto Leone ha scosso l’intera comunità di Angri, piccolo centro della provincia salernitana: l’animale è stato trovato agonizzante la sera del 7 dicembre, scuoiato vivo e con altri evidenti segni di tortura. È stato prontamente soccorso dal canile di Cava de’ Tirreni, che lo ha fasciato e trattato con flebo calde e antidolorifici, ma nonostante le cure degli esperti e la tenacia dimostrata – da cui il nome “Leone – il gattino non ce l’ha fatta e si è spento domenica scorsa. 

Approfondisci:

Cani denutriti e incatenati, orrore a Niscemi (Caltanissetta). Il video che commuove

Cani denutriti e incatenati, orrore a Niscemi (Caltanissetta). Il video che commuove
Gatto Leone, una fiaccolata per chiedere giustizia ad Angri
Gatto Leone, una fiaccolata per chiedere giustizia ad Angri

Ora la gente chiede giustizia. “L’assassino del piccolo Leone, e i suoi eventuali complici, devono essere assicurati alla giustizia al più presto, un criminale in grado di compiere questo atto di crudeltà senza precedenti è un pericolo pubblico”, ha scritto sui social il deputato Francesco Emilio Borrelli. Ma la strada sembra in salita, in quanto è stato finora impossibile rintracciare persino il proprietario del gatto, che – secondo i veterinari che lo hanno curato – non poteva essere randagio vista la mansuetudine dimostrata a loro e, purtroppo, a chi lo ha torturato. La tortura dell’animale sarebbe punita a norma di legge con una reclusione dai 3 ai 18 mesi e con una multa che potrebbe arrivare a 30 mila euro

Diverse le ipotesi sul perché qualcuno potrebbe aver infierito a tal punto su Leone: c’è chi pensa a un “semplice” atto di crudeltà e chi non esclude che il fine fosse mangiarlo. Il metodo di scuoiamento attuato sul gatto è infatti simile a quello utilizzato per i conigli. 

Per domenica 17 alle 18 è prevista una fiaccolata in memoria dell’animale, che partirà dalla chiesa di Sant'Antonio di Angri. Gli organizzatori preferiscono non firmarsi, in quanto “Leone è il gatto di tutti”