Il Consiglio di Stato, con due distinte sentenze pubblicate ieri, ha decapitato i vertici della Corte di Cassazione. Accogliendo infatti il ricorso del giudice Angelo Spirito ha dichiarato illegittime le nomine, fatte nel 2020 dal Csm, del presidente della Suprema Corte Pietro Curzio e del presidente aggiunto Margherita Cassano. Il Consiglio di Stato ha ribaltato una precedente sentenza del Tar del Lazio che, invece, aveva confermato le nomine e respinto il ricorso. Adesso la ‘palla’ passa di nuovo al Consiglio superiore della magistratura che ha diverse opzioni, compreso quello di riadottare gli stessi provvedimenti ma con diverse motivazioni. Per quanto riguarda le obiezioni alle nomine di Curzio e Cassano avanzate nei due ricorsi, dalla ‘difesa’ del magistrato Angelo Spirito, contro le delibere prese dal Csm nel luglio 2020 – con le quali dopo l’affaire ‘Palamarà e lo scandalo che aveva travolto il Csm, si rinnovarono i vertici della Suprema Corte – si critica la "sopravvalutazione delle esperienze professionali di Curzio" e la "prevalenza" dei ‘meriti’ riconosciuti alla Cassano.