I paperoni della Lotteria Italia. Milano sogna con cinque milioni

La Lombardia fa il pieno di fortuna aggiudicandosi tre premi della cinquina milionaria. Gli altri tagliandi acquistati a Salerno e a Rimini

I paperoni della Lotteria Italia. Milano sogna con cinque milioni
I paperoni della Lotteria Italia. Milano sogna con cinque milioni

Il primo premio della Lotteria Italia da cinque milioni di euro è stato venduto a Milano, mentre il secondo è finito a Campagna, in provincia di Salerno. Ma quest’anno non è stata par condicio tra Nord e Sud. La fortuna ha privilegiato la Lombardia, dove sono andati tre dei cinque tagliandi milionari. Il terzo biglietto più ricco è stato acquistato a Pavia e il quarto a Brescia. Infine, Rimini si è aggiudicato il quinto premio (nella tabella, l’elenco esatto dei luoghi e delle vincite).

Lei, la Lotteria Italia, c’è sempre. E non c’è crisi che possa intaccarla, perché è incastonata nella tradizione del nostro Paese. Una tradizione che resiste dal 1957 e che in questa edizione fa segnare un aumento delle vendite dei biglietti pari al 10%, alla faccia della nuova era del gaming, tutta tecnologia. I 6,7 milioni di biglietti venduti dimostrano come questo rito ad estrazione non sia più considerato un freddo ‘gioco con vincita in danaro’ ma qualcosa di più. La Lotteria Italia è parte di noi, della gioiosa parentesi delle feste alla fine di un altro anno difficile per le famiglie, tra rincari, precarietà e scarsa stabilità economica. La Lotteria è la fuga per un giorno dai problemi del quotidiano.

Cinque premi milionari distribuiti - dai 5 milioni del primo premio al milione del quinto - mentre sono 15 (cinque in più e raddoppiati rispetto al 2022) quelli da 100mila euro di seconda categoria, mentre i robusti premi di consolazione sono stati 190, da 20mila euro.

Lo scorso anno a far festa fu una tabaccheria di Bologna, mentre il Lazio si confermò la regione d’oro con tre dei cinque premi di prima categoria. "Le vendite rispetto ad un anno fa – ha dichiarato all’Agipronews il titolare di una delle storiche tabaccherie della stazione Termini di Roma – sono triplicate. A comprare i biglietti sono soprattutto i turisti, italiani in testa". E occhio al biglietto dimenticato: Dal 2002 in poi 31 milioni di euro non sono stati incassati dai vincitori: nel 2008 fu addirittura il primo premio da 5 milioni a restare nelle casse dello Stato.

Paolo Franci