Giovedì 20 Giugno 2024

Hotel Rigopiano, il dramma dei bambini

Gianfilippo e Ludovica hanno potuto riabbracciare i loro genitori, sono morti la mamma e il papà di Edoardo, mentre risultano ancora dispersi i genitori di Samuel

I soccorsi del piccolo Edoardo, recuperato dall'hotel Rigopiano (Ansa)

I soccorsi del piccolo Edoardo, recuperato dall'hotel Rigopiano (Ansa)

L'Aquila, 21 gennaio 2017 - Sono tutti vivi e stanno bene i quattro bambini rimasti intrappolati sotto alle macerie dell'hotel Rigopiano di Farindola, ma non tutti, purtroppo, potranno riabbracciare i loro genitori. Il piccolo Edoardo Di Carlo, 8 anni, in Rianimazione a Pescara, ha perso la sua mamma, Nadia Acconciamessa, e anche il papà Sebastiano. I loro corpi sono stati riconosciuti ieri, quello di lei nel pomeriggio, quello di lui in nottata.

BIMBA_20033972_215210

"I bambini stanno fisicamente bene, hanno superato quella leggera ipotermia, ma psicologicamente sono provati", ha detto il primario della Rianimazione di Pescara, Tullio Spina, a proposito di Edoardo e Samuel Di Michelangelo, 7 anni. I bambini stanno bene, spero di dimetterne presto due", ha aggiunto il primario.

Purtroppo anche i genitori di Samuel, Domenico Di Michelangelo, 40 anni, agente della Digos di Chieti, e la moglie Marina Serraiocco, 36 anni, sono ancora dispersi. 

Sospiro di sollievo invece per la famiglia Parete (Gianfilippo e Ludovica i bimbi), riunita in un'unica stanza all'ospedale. "A Ludovica hanno portato gli Abbracci, i biscotti che lei adora, glieli ha portati un'infermiera, io ho portato dei giochi. Stanno bene ma sono provati", ha raccontato Quintino Marcella, il titolare del ristorante a Silvi Marina, che ha ricevuto la telefonata da Giampiero Parete, il primo allarme dall'hotel Rigopiano. "In quelle ore sono rimasti lì immobili, al buio", ha raccontato.

Quando i soccorritori hanno fatto un buco nella montagna di ghiaccio e i bambini li hanno visti, hanno ballato e saltato. Una volta tornati in superficie, uno di loro ha realizzato cosa stava accadendo intorno. "Guarda quanta neve" ha detto a uno dei soccorritori. "Allora possiamo andare a sciare".

image