27 feb 2022

Contagi giù, ma la curva dei morti non scende

I dati sulle vittime hanno ancora un andamento altalenante. Diminuiscono ricoveri e terapie intensive, oggi prime dosi del vaccino Novavax

Il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, 61 anni
Il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, 61 anni
Il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, 61 anni

ROMA Diminuisce il numero dei casi segnalati, delle ospedalizzazioni e dei ricoveri in terapia intensiva. Nelle ultime settimane il virus circola in misura minore ma "sono invece ancora in aumento i decessi". È quanto si legge nel report esteso dell’Iss che integra i dati del monitoraggio settimanale sull’andamento del Covid in Italia e le curve dei grafici che confermano l’andamento, aggiornato fino al 20 febbraio. Nell’ultima settimana i dati sulle vittime hanno dato segni di miglioramento ma molto lenti e altalenanti. I dati di ieri segnano la stessa situazione: 38.375 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore, secondo il ministero della Salute, contro i 40.948 del giorno prima. Le vittime 210 (193 il giorno precedente). L’analisi dell’Iss dal 7 al 20 febbraio aveva registrato 771.327 nuovi casi, di cui 715 deceduti. Continua anche la discesa dell’incidenza settimanale che passa da 704 per 100mila abitanti (722022 - 1322022) a 560 per 100mila abitanti (1422022 -2022022). Ma è nella fascia 0-9 anni quella dove si registra il più alto tasso di incidenza a 14 giorni (2.551 per 100.000), mentre nella fascia di età 70-79 anni si registra la più bassa (628 per 100mila). Intanto decresce in tutte le fasce l’incidenza a 14 giorni, comprese le fasce 0- 9 e 10-19 anni. L’età mediana è pari a 37 anni. Resta quindi alta l’attenzione nei confronti delle classi d’età più giovani, in buona parte non ancora coperte dal vaccino. Dall’inizio dell’epidemia al 23 febbraio 2022 sono stati diagnosticati 2.805.320 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 14.544 ospedalizzati, 339 ricoverati in terapia intensiva e 48 deceduti. Nelle ultime quattro settimane è rimasta stabile al 31% la percentuale dei casi segnalati nella popolazione in età scolare rispetto al resto della popolazione. Nell’ultima settimana il 20% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nei bambini sotto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?