Domenica 23 Giugno 2024

Clima teso tra colleghi e l’ombra delle molestie. Quelle vecchie accuse tutte archiviate

L'ex comandante della polizia locale Giampiero Gualandi ha affrontato varie accuse legali nel corso degli anni, ma è stato sempre assolto o prosciolto. Le accuse includono post diffamatori su Facebook e presunte irregolarità legate all'uso di autovelox. Una vicenda di animosità sul posto di lavoro lo ha portato a fare causa al Comune per mobbing.

Clima teso tra colleghi e l’ombra delle molestie. Quelle vecchie accuse tutte archiviate

Clima teso tra colleghi e l’ombra delle molestie. Quelle vecchie accuse tutte archiviate

Qualche guaio con la giustizia, Giampiero Gualandi l’aveva già affrontato. Ma era sempre stato archiviato dalla Procura, prosciolto in fase preliminare o assolto nel merito, sempre con formula piena. L’ex comandante della polizia locale delle Terre d’Acqua, nel Bolognese, e ora attivo nella sede di Anzola, nel 2015, fu accusato di avere scritto post su Facebook con profili falsi in cui screditava il sindaco di Anzola Giampiero Veronesi. Prima ancora, nel 2012, assieme ad altri colleghi era stato denunciato da una ex vigilessa per falso ideologico e abuso d’ufficio per una questione legata alla legittimità dei verbali elevati con l’autovelox in dotazione al comando dei Comuni di Terre d’Acqua di cui all’epoca Gualandi era comandante: furono prosciolti. Una vicenda, quest’ultima, che parve nascere in seno a un clima di animosità sul posto di lavoro, e in cui furono contestate inizialmente anche molestie, che vennero archiviate dalla Procura. Da un’altra contestazione di abuso d’ufficio (per aver favorito

una società informatica concedendole proroghe nella gestione informatica dei verbali), il 63enne venne assolto. Altra storia fu infine quella che lo vide avverso

al comandante della polizia municipale di Anzola Mauro Querzè che Gualandi andò a sostituire in questo incarico, negli anni Duemila: vedendosi estromesso dal proprio ruolo, l’ex comandante fece causa

al Comune per mobbing

e ricevette un indennizzo.