Martedì 16 Aprile 2024

Altavilla Milicia, i punti oscuri della strage in famiglia nell’ordinanza del gip. Le confidenze di Kevin agli amici

Le ipotesi che si affacciano dalle prime carte di un’inchiesta che si annuncia lunga e complessa. Kevin scriveva a un amico: “In questo momento a casa mia c’è una guerra”

Altavilla Milicia: i punti oscuri della strage in famiglia

Altavilla Milicia: i punti oscuri della strage in famiglia

Altavilla Milicia (Palermo), 21 febbraio 2024 - L’orrore della strage di Altavilla Milicia (Palermo) lascia ancora aperti diversi interrogativi. Come matura la strage? Perché quella convinzione farneticante di possessioni diaboliche nella famiglia di Giovanni Barreca? A chi era stata comunicata questa convinzione? Dal quadro emerso finora quella ‘fissazione’ ha portato al martirio di Antonella Salamone, 40 anni, dei figli Emmanuel di 6 e Kevin di 16.

Approfondisci:

Da Altavilla Milicia a Torino, quell’ossessione per i demoni: “Capro espiatorio perfetto dei nostri fallimenti”

Da Altavilla Milicia a Torino, quell’ossessione per i demoni: “Capro espiatorio perfetto dei nostri fallimenti”
Approfondisci:

Strage di Altavilla Milicia, Barreca ‘vede’ il diavolo in carcere. Cosa ha detto a un detenuto

Strage di Altavilla Milicia, Barreca ‘vede’ il diavolo in carcere. Cosa ha detto a un detenuto
Approfondisci:

Strage di Altavilla Milicia, le parole del parroco sul diavolo e il post del sindaco: “Non siamo fanatismo”

Strage di Altavilla Milicia, le parole del parroco sul diavolo e il post del sindaco: “Non siamo fanatismo”
Approfondisci:

Strage di Altavilla Milicia, il difensore della coppia: “Non mi hanno parlato di esorcismo”. Barreca e i deliri sul diavolo

Strage di Altavilla Milicia, il difensore della coppia: “Non mi hanno parlato di esorcismo”. Barreca e i deliri sul diavolo
Altavilla Milicia: i punti oscuri della strage in famiglia
Altavilla Milicia: i punti oscuri della strage in famiglia

Le carte dell’inchiesta

Le domande emergono dalle stesse carte dell’inchiesta, che si annuncia lunga ed è appena all’inizio. Choccante e a tratti confusa la testimonianza data in momenti diversi dalla figlia 17enne di Barreca, oggi in carcere per omicidio come il padre, Sabrina Fina e Massimo Carandente, “uno figlio di Dio con sua moglie che conosciamo... e sono potentissimi spiritualmente, fanno venire i brividi”, scriveva il 4 febbraio il povero Kevin su WhatsApp a un amico che poi ha portato i messaggi ai carabinieri.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

Le domande aperte dall’ordinanza del gip

Nell’ordinanza il gip prospetta “ulteriori approfondimenti anche di carattere tecnico, al fine di ricostruire i contorni esatti della vicenda, che sembra, allo stato, avere una connotazione di estensione criminale anche più ampia e così approfondire i motivi che hanno condotto gli odierni indagati a compiere gesti così atroci ed efferati ai danni di una donna e dei suoi due figli minorenni”.

Le confidenze di Kevin agli amici

Dalle indagini svolte finora, risulta che Kevin avesse parlato di quella “guerra” combattuta in casa anche ad altri amici, “sapevano che sua madre e suo fratello” erano “posseduti”. Tutto raccontato via messaggi, perché il sedicenne non era più andato a scuola da lunedì 5 febbraio.

I gravi indizi di colpevolezza

Il gip mette in fila gravi indizi di colpevolezza anche per la coppia Fina-Carandente. “Gli stessi – scrive il giudice – risultano inseriti all’interno di un gruppo ‘religioso’ più ampio (al quale era stata rappresentata la situazione del nucleo familiare preso di mira dai due correi)”. Allora: chi sapeva delle farneticazioni su possessioni diaboliche?

Approfondisci:

Strage di Altavilla Milicia: perché nessuno aveva capito i segnali delle farneticazioni ‘diaboliche’

Strage di Altavilla Milicia: perché nessuno aveva capito i segnali delle farneticazioni ‘diaboliche’

Il talento artistico di Kevin

Ci sono dettagli nell’ordinanza che stringono il cuore. Come quando un amico racconta delle capacità artistiche di Kevin, “ci siamo conosciuti il 23 aprile 2023 ad una mostra di volatili: lui li creava in ceramica e poi li metteva in mostra a Villa San Cataldo dove c’era un evento di tutti lgi alunni che avevano un talento artistico”. Nelle carte c’è un elemento che ricorre in modo costante, ripetuto dal 16enne e dalla sorella ora in carcere è sempre la stessa: le difficoltà economiche della famiglia che provocavano costanti litigi.