Dovremo aspettare quaranta giorni perché le valutazioni sul Green pass e a maggior ragione sull’eventuale obbligo di fare il vaccino si liberino dalle scorie della campagna elettorale. Ma alcune informazioni difficilmente contestabili restano ferme.

1. Nemmeno le due dosi di vaccino garantiscono l’immunità totale.

2. Le persone che abbiano fatto due iniezioni raramente vengono contagiate. Se lo sono - salvo casi del tutto eccezionali - o non se ne accorgono o avvertono qualcosa di simile al raffreddore o a una blanda influenza.

3. La variante Delta è otto volte più contagiosa del virus uscito da Whuan, ma assai meno predisposta a causare la morte. Le persone non vaccinate rischiano peraltro molto seriamente il ricovero in ospedale e in alcuni casi il decesso.

4. L’esperienza internazionale dimostra che i paesi o le regioni in cui la vaccinazione è più bassa i casi di contagio e di mortalità sono elevatissimi. In America gli stati delle due coste (Florida e California) hanno un tasso vaccinale simile a quelli italiano o tedesco. Ma in Ohio, per esempio, dove l’educazione nelle città operaie è piuttosto bassa, nonostante una grande scuola medica a Cleveland, i vaccinati non superano il 45 per cento, con una nuova esplosione di contagi e di decessi.

5. Chi ha paura degli effetti immediati del vaccino, consideri che dai dati diffusi ieri dall’Istituto superiore di sanità (dicembre ’20 – agosto ’21) 1,2 persone su mille hanno avuto conseguenze. Di queste solo il 14 per cento ha avuto problemi più gravi di una passata febbrile o di un dolore al braccio.

6. Chi invece teme che il vaccino possa modificare i suoi dati genetici o determinare comunque problemi gravi in un periodo indeterminabile, sappia che la storia dell’intera virologia restringe a sei mesi dalla vaccinazione l’emergere di soluzioni preoccupanti. Tempo ampiamente trascorso dalle prime vaccinazioni.

La conclusione è che i danni – personali e sociali – di un contagio singolo o di massa sono infinitamente maggiori di quelli che può subire una persona vaccinata. L’estensione del Green pass sarà pure un modo indiretto per costringere la gente a vaccinarsi, ma la vera serenità potrà raggiungersi solo quando saremo sicuri che i nostri compagni di lavoro, di scuola, di vita, estesi alle amicizie, avranno fatto queste due benedette iniezioni.