Sabato 20 Luglio 2024

Usa, Biden: sentenza su immunità a Trump "precedente pericoloso"

Washington, 2 lug. (askanews) - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha denunciato a gran voce la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di concedere al suo predecessore, Donald Trump, parziale immunità dalle accuse penali per aver tentato di ribaltare le elezioni presidenziali del 2020, definendolo un "precedente pericoloso" che ha inficiato il principio fondamentale di uguaglianza davanti alla legge. In un discorso di 5 minuti dalla Casa Bianca, Biden ha affermato che la sentenza "ha minato lo stato di diritto" e ha reso un "terribile disservizio al popolo di questa nazione" perché significa che è molto meno probabile che Trump venga trattenuto legalmente e considerato responsabile di aver incitato la folla a lanciare un attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti il 6 gennaio 2021. Citando e facendo eco alle parole della giudice liberale della Corte Suprema, Sonia Sotomayor - che ha criticato la sentenza - il presidente ha detto: "Sono dissenziente". "Questa nazione è stata fondata sul principio che non ci sono re in America", ha detto Biden, nel suo discorso pubblico dopo una riunione di famiglia nel fine settimana per discutere del futuro della sua stessa candidatura. "Ciascuno, ciascuno di noi è uguale davanti alla legge. Nessuno, nessuno è al di sopra della legge, nemmeno il presidente degli Stati Uniti", ha aggiunto. "Con la decisione odierna della Corte Suprema sull'immunità presidenziale, questo è cambiato radicalmente a tutti gli effetti pratici. La decisione di oggi significa quasi certamente che non ci sono praticamente limiti a ciò che il presidente può fare. Questo è un principio fondamentalmente nuovo. È un precedente pericoloso, perché il potere dell'ufficio non sarà più limitato dalla legge, compresa la Corte Suprema negli Stati Uniti, gli unici limiti saranno autoimposti dal solo presidente", ha precisato Biden. Collocando sottilmente la questione in un contesto elettorale, il presidente ha quindi affermato che la sentenza ha costretto gli elettori a confrontarsi con la questione se Trump abbia il carattere necessario per limitare il proprio comportamento in caso di ritorno alla Casa Bianca. E ha paragonato sfavorevolmente i tratti caratteriali del suo avversario con i suoi. "Ora il popolo americano deve fare quello che la Corte avrebbe dovuto essere disposta a fare e non farà", ha detto. "Il popolo americano deve esprimere un giudizio sul comportamento di Donald Trump. Il popolo americano deve decidere se vuole affidareà ancora una volta, la presidenza a Donald Trump, ora sapendo che sarà più incoraggiato a fare ciò che vuole, ogni volta che lo desidera", ha sottolineato.