Sgarbi, consegnerò personalmente le mie dimissioni a Meloni

"Indagine da lettere anonime, rischio mattanza di delazioni"

Sgarbi, consegnerò personalmente le mie dimissioni a Meloni
Sgarbi, consegnerò personalmente le mie dimissioni a Meloni

"Sono felice che il Presidente abbia ritenuto corrette le mie dimissioni che confermo e che attendo di consegnarle personalmente. Condivido tutto quello che ha detto, ma sottolineo che l'indagine dell'antitrust su di me è partita da lettere anonime, e fatico a credere che questo non possa avvenire per altri membri del Governo, esponendoci a una mattanza di delazioni". Così Vittorio Sgarbi in una nota. "Sono felice d'incontrare al più presto il premier - aggiunge - per valutare la compatibilità fra le mie dimissioni e il mio ricorso, nelle more del quale sarebbe forse più pertinente l'autosospensione". "Non ho mai pensato di non dimettermi, come ho dichiarato, ma ho posto il problema procedurale del ricorso al Tar previsto nella stessa delibera dell'Agcom" ripete ancora il sottosegretario che ribadisce: "in ogni caso confermo le mie dimissioni indipendentemente dall'esito del ricorso al Tar, come scelta volontaria ed esistenziale, ma sottolineo che la delibera dell'Antitrust può essere invalidata dalla sentenza del Tar".