Lunedì 17 Giugno 2024
PAOLO FRANCI
Sport

Sinner-Alcaraz, gran duello all’atto quinto

Jannik contro lo spagnolo già numero 1 Atp in una semifinale da urlo a Indian Wells. Bilancio in parità e l’azzurro ora può tutto

Migration

di Paolo Franci

Tutti davanti alla tv. Perchè questa sera si scrive un altro capitolo di quella che sarà, non abbiamo più grossi dubbi, la Grande Rivalità del decennio: Alcaraz-Sinner atto quinto, con la semifinale di Indian Wells. Carlitos ha fatto secco Auger-Auliassime nei quarti con un doppio 6-4, il che farebbe pensare a un match in discesa per il numero 2 del mondo. E invece no. Il canadese ha giocato una partita strepitosa ma non è riuscito a scalfire il tennis di Alcaraz. Il successo dello spagnolo è anche la cartina al tornasole di un momento di forma impressionante.

Jannik si è invece preso questa semifinale confermando che un degli obiettivi che si era prefissato con la gestione Vagnozzi-Cahill – giocarsela alla pari con gli avversari della top five – è ormai nelle sue corde. Fino allo scorso gennaio Sinner aveva uno score da arrossire contro i top five: 16 sconfitte e una sola vittoria, nella finale di Umago proprio con Carlitos Alcaraz. Ora, dopo aver battuto Stefanos Tsitsipas a Rotterdam, stavolta ha messo sotto il californiano Taylor Fritz, numero 5 del ranking mondiale a casa sua, perché è negli Usa, in California, che si sta giocando. E lo ha fatto con muscoli e testa, portando a casa un duello sul filo dei nervi a tratti entusiasmante che, a un certo punto è sembrato pure un bel po’ in salita. Jannik, dopo aver giocato un primo set da consegnare alle scuole tennis per perfezione tattica e mentale, è scivolato sul ’game della morte’ del secondo set, il nono, incassando il 4-6, dopo aver vinto il primo con identico risultato. Da lì è stata guerra di nervi e di fisico. Tanto fisico e, nonostante un momento di vuoto a metà del set decisivo che poteva essergli fatale, s’è preso il match ancora con un 6-4, guadagnandosi la sfida con Alcaraz e la piazza numero 11 Atp.

Si diceva della rivalità che segnerà gli anni a venire, una sfida che sarà forza mentale e fisica e tattica senza mezze misure. La prima volta tra i due risale

2 aprile 2019, nel Challenger di Alicante, a meno di cento chilometri da Murcia, lì dove è nato Carlito. Vinse quest’ultimo 6-2, 3-6, 6-3, anche se questo incrocio ’minore’ non è conteggiato nei precedenti.

La prima sfida di livello va in scena a Parigi-Bercy il 3 novembre 2021. Il 18enne Alcaraz è numero 35 del mondo, anche se ha già vinto un titolo Atp. Sinner è già Sinner, numero 9 del mondo che sta lottando per qualificarsi alle Finals. Vince Alcaraz 76, 75, al termine di un match tiratissimo.

L’altoatesino pareggia i conti a Wimbledon il 3 luglio del 2022, quando asfalta Carlitos nei primi due set 61, 64 per poi perdere il terzo al tie break e chiudere 63 al quarto set. E qui Sinner mostra la robusta crescita sulla prima di servizio e un gioco a rete piuttosto efficace. Esattamente 28 giorni dopo la sfida dell’All England Tennis Club, il 31 luglio a Umago in Croazia, sulla terra rossa va in onda il terzo capitolo della rivalità tra i due, in finale. Il primo set è tiratissimo, lo vince al tie Alcaraz e nessuno immagina cosa stia per accadere. E cioè che Sinner spazzerà via Carlitos con un incredibile doppio 61.

Agli Us Open, lo scorso 8 settembre, la sconfitta più dolorosa e incredibile per Jannik. Perso il primo 3-6, nel secondo annulla 5 set point e porta a casa il set al tie break. Anche il terzo lo vince 76. Poi, nel quarto, la Grande Illusione: va avanti di un break due volte e due volte si fa rimontare, poi porta a casa un match point sul 5-4 ai vantaggi. Alcaraz però tiene e da lì domina: vince il quarto set 75 e chiude 63 prendendosi la semifinale. Un match pazzesco che è già tra i grandi classici degli ultimi anni, con Carlitos che vincerà il primo Slam e per la prima volta si ritrova numero uno al mondo. Quella sconfittà coinciderà con la crisi di Jannik, soprattutto sul piano mentale e acciacchi a parte. Ora però è tornato e, speriamo, pronto a vendicare il ko degli Us Open.