Mercoledì 29 Maggio 2024

Rivaldo contro Ancelotti: "Non c’è rispetto"

"Ci sono tecnici molto bravi e preparati in Brasile". Il nodo sono le date: Carletto vuole finire la stagione al Real, ma serve un ct già a marzo

Migration

RIO DE JANEIRO (Brasile)

All’ex milanista Rivaldo, Pallone d’Oro nel 1999 e campione del mondo nel 2002, non piace affatto l’idea che la nazionale brasiliana possa avere un tecnico straniero, e si schiera contro ipotesi, come quelle su Ancelotti o Mourinho (Guardiola ha già detto no, almeno fino al 2024), fatte dalla stampa del suo paese. "Non concordo con chi sostiene questa idea - le parole di Rivaldo - e credo che sia una grande mancanza di rispetto nei confronti di noi brasiliani e soprattutto dei tanti tecnici di valore che abbiamo qui. Ce ne sono molti in gradi di fare un buon lavoro con la Seleçao, come Rogerio Ceni, Renato Gaucho, Cuca, Fernando Diniz e Dorival Junior". "Portare qui un allenatore straniero - secondo Rivaldo - non vuol dire avere automaticamente la certezza che vinceremo il prossimo Mondiale. Invece penso che ogni tecnico vorrebbe essere campione del mondo per il suo paese, per dare allegria ai suoi connazionali, che di sicuro ne hanno più bisogno di noi che siamo ‘penta’ (il Brasile è cinque volte campione del mondo ndr)". "La Seleçao è nostra - conclude Rivaldo - e deve essere guidata da chi ha sangue brasiliano nelle vene".

L’ipotesi di Carlo Ancelotti commissario tecnico, e di Paulo Roberto direttore generale e coordinatore delle nazionali piace però in Brasile. Ma a parte il fatto che sia l’allenatore del Real sia il dirigente del Santos non potrebbero liberarsi prima del 2024, sono molti i fattori che rendono difficile questa operazione, a cominciare dal fatto che alla Seleçao un ct servirà fin dal prossimo gennaio (a marzo 2023 ci sono le prime partite) e nessuno sembra disposto a ricoprire un ruolo di tecnico ‘ad interim’. Così a sgombrare il campo dalle voci è intervenuto il presidente della federcalcio brasiliana (Cbf), Ednaldo Rodrigues, ricordando che "fin dal 17 novembre (giorno in cui Tite ribadì che se ne sarebbe andato a prescindere dal risultato della nazionale in Qatar ndr) la posizione ufficiale della Cbf è stata chiara: i nomi del nuovo allenatore e degli altri componenti della commissione tecnica saranno resi noti soltanto a fine gennaio del 2023".

Intanto riprende quota la tesi che il prossimo ct sia brasiliano, e i favoriti sono Dorival Junior, libero dopo aver vinto la Libertadores con il Flamengo, Fernando Diniz del Fluminense e Mano Menezes dell’Internacional. Quest’ultimo in passato ha già allenato la nazionale del suo paese.