Martedì 25 Giugno 2024

Milan, aria di rinnovo per Bennacer

Migration

Il nome di Hachim Ziyech continua a gravitare nell’orbita rossonera: il Milan sta, infatti, lavorando per portare al servizio di Stefano Pioli il giocatore del Chelsea. Al momento il principale ostacolo è rappresentato dall’alta richiesta di ingaggio: a Londra il centrocampista marocchino guadagna 6 milioni di euro, ma dopo l’ottimo Mondiale che ha disputato in Qatar la sua quotazione è balzata a 7-8 milioni, cifra che ora il Diavolo è pronto a garantire solo a Rafael Leao per riuscire a blindarlo con il rinnovo contrattuale. Con il mese di gennaio in arrivo in via Aldo Rossi sono in atto delle valutazioni in primis sul reparto dei portieri: il recupero di Maignan procede a rilento e se il rientro in campo dovesse slittare ulteriormente, il club potrebbe provare ad anticipare l’arrivo a Milanello di Marco Sportiello, portiere dell’Atalanta già bloccato per la prossima estate quando sarà svincolato. L’arrivo dell’estremo difensore, però, presenta due problemi: il primo è economico in quanto la Dea chiede un indennizzo per lasciarlo partire ora, il secondo è di carattere tecnico, con il tecnico Gasperini che vorrebbe un vice Musso affidabile. La dirigenza milanista dovrà poi lavorare anche sul mercato in uscita, con il futuro di Adli e Bakayoko ancora da decidere: un passo in avanti in chiave rinnovi, invece, è stato fatto ieri quando nella sede rossonera si sono presentati il nuovo agente di Ismael Bennacer, Enzo Raiola, e i suoi collaboratori, per incontrare il direttore tecnico Paolo Maldini e il direttore sportivo Frederic Massara. Il faccia a faccia è servito per parlare del rinnovo dell’ex Empoli (l’attuale contratto scade nel 2024). Il Milan ha messo sul piatto 4 milioni a stagione (attualmente l’algerino ne prende 1,5) e un prolungamento fino al 2027: dopo i rinnovi portati a termine di Tomori, Tonali, Theo Hernandez e Kalulu, dunque, il club è pronto a blindare un’altra pedina imprescindibile nello scacchiere pioliano e la fumata bianca sembra essere vicina.

Ilaria Checchi