Martedì 18 Giugno 2024
ILARIA CHECCHI
Sport

Leao meravigliao scatta verso il rinnovo

Il portoghese si è ritrovato nel momento più importante, e la lunga trattativa per il contratto potrebbe sbloccarsi presto

Leao meravigliao scatta verso il rinnovo

Leao meravigliao scatta verso il rinnovo

di Ilaria Checchi

Leao Meravigliao è tornato, o almeno questa è la speranza del Milan e dei suoi tifosi: la continuità di prestazioni non è mai stata il punto forte del portoghese, ma la prova di domenica sera al Maradona fa ben sperare. Chi pensava che il talento lusitano si fosse perso ha dovuto ricredersi e contro i partenopei il classe ’99 ha infilato una doppietta micidiale che porta il suo score a 10 gol in campionato e a 38 in 151 partite in rossonero.

Non tutti, però, pensavano che Rafa fosse in curva discendente: "Leao non è mai andato via – ha ammesso Pioli – Ha fatto due bellissimi gol, uno da prima punta e uno da esterno largo. Ragazzi così giovani e di talento per noi sono importantissimi. Ci sono momenti in cui sembrano fermi, che non stiano migliorando, invece assimilano esperienza e maturità. Leao è intelligente, sono sicuro diventerà un campione con le qualità che ha".

Le certezze del tecnico emiliano sono ribadite da Sandro Tonali ("è un talento incredibile, che ha il dono di essere il più forte di tutti") e, dunque, ora il banco di prova sarà il match casalingo di venerdì sera contro l’Empoli, prima di tuffarsi anima e corpo nel secondo round contro il Napoli in Champions League. L’esultanza provocatoria del 17 rossonero dopo il gol del vantaggio (che a cascata ha provocato il diverbio tra Spalletti e Maldini) fa parte del suo carattere impulsivo, ma è suonata più come uno sfogo dopo oltre due mesi di astinenza sotto porta: l’ex Lille, infatti, in campionato non segnava dal 14 gennaio nel 2-2 di Lecce.

"Io voglio solo rispondere in campo, a me piace ascoltare l’allenatore e chi lavora nel club, chi sta fuori non mi interessa, ma mi carica. Ho avuto mesi complicati, ma adesso mi sono ritrovato".

Il periodo difficile ammesso da Rafael non è stato conseguenza della scarsa vena offensiva, ma sicuramente anche del caso del rinnovo contrattuale che tiene banco ormai da mesi: l’attaccante è in scadenza a giugno 2024 e percepisce 1,4 milioni netti a stagione, i dirigenti rossoneri stanno lavorando ad un prolungamento tutt’altro che semplice, viste le resistenze dell’agente Jorge Mendes e l’ostacolo rappresentato dalla multa da 16,5 milioni che Leao deve sborsare allo Sporting Lisbona. L’attaccante portoghese è stato condannato in solido col Lille dopo aver rescisso unilateralmente il contratto con il club insieme a molti suoi compagni, a causa di una violenta aggressione dei tifosi di casa al centro sportivo dopo la mancata qualificazione in Champions League. Secondo i desiderata dell’entourage del giocatore, il Diavolo dovrebbe contribuire con un sostanzioso bonus alla firma, oltre a garantirgli un ingaggio da 7 milioni di euro netti, una richiesta che finora non è stata accettata. Ma le prossime settimane potrebbero segnare una svolta nella trattativa. Intanto il Milan festeggia il ritrovato Rafa, che potrebbe essere l’uomo in più nei prossimi due mesi, un po’ come accaduto l’anno scorso nella rincorsa scudetto culminata con il trionfo del 22 maggio.