Domenica 26 Maggio 2024

Immobile vuole tornare quanto prima, la Lazio aspetta il suo capitano

A Monza sarà in panchina, ma a Formello vince la linea della cautela

Ciro Immobile

Ciro Immobile

Roma 24 marzo 2023 - Un derby vinto e la pausa per le Nazionali, il momento perfetto per recuperare Ciro Immobile tra le file degli arruolabili. Il giocatore vuole essere in campo già contro il Monza, ma a Formello gli animi restano più cauti. Non si vuole rischiare una ricaduta che potrebbe privare i biancocelesti del proprio capitano fino, nella peggiore delle ipotesi, a fine stagione. Ciro giocherà solo al 100% della condizione. Da lunedì 27 inizierà il proprio ricondizionamento atletico e verrà seguito giorno dopo giorno per testarne la tenuta fisica. La cautela prima di tutto. Come ha dimostrato nel derby, la sua sola presenza in panchina è un grande stimolo per la squadra, ma quando entra riesce a fare la differenza a suon di gol e in questo momento di scarsa produttività offensiva degli aquilotti, il suo rientro è quanto mai più necessario.

Oggi intanto i biancocelesti sono tornati in campo agli ordini di Maurizio Sarri. Per i giocatori rimasti a Formello doppia seduta: al mattino dopo il riscaldamento incentrato su lavori aerobici e di forza, il gruppo è stato diviso per reparti e ha lavorato sui movimenti in campo. I difensori si sono concentrati sulle manovre tattiche, mentre centrocampo e attacco hanno provato delle combinazioni offensive. La seduta è terminata con una sfida sui tiri in porta che ha coinvolto centrocampisti e attaccanti, divisi in coppie. Nel pomeriggio invece dopo una prima parte di attivazione muscolare, i laziali hanno svolto alcuni circuiti tecnici. Gli allenamenti di oggi si sono conclusi con due partitelle a campo ridotto.

Calciomercato: ecco i primi nomi accostati alla Lazio

Resta caldo il tema del futuro ds in casa Lazio, con Igli Tare in scadenza di contratto e un rapporto con Sarri, mai decollato. Lotito ha pronto un rinnovo triennale per il dirigente albanese, ma la convivenza con Sarri, per l'ex bomber significherebbe molto meno margine di manovra e libertà decisionale in sede di mercato. Con questa situazione in bilico però la Lazio comincia ugualmente a sondare il mercato in cerca di possibili rinforzi per la prossima stagione.

I primi nomi sono due che già a gennaio erano stati accostati ai biancocelesti, senza però che le rispettive piste si concretizzassero. Si tratta di Manolo Gabbiadini della Sampdoria e Roberto Gagliardini dell'Inter. Il doriano sarebbe il tanto cercato vice Immobile: per lui quest'anno sei reti e un assist in 23 partite giocate. Uno dei migliori tra le fila della squadra genovese, fin qui protagonista di una stagione disastrosa e che sta avvicinando sempre più i blucerchiati alla Serie B. Dovesse concretizzarsi la retrocessione, l'attaccante ex Napoli potrebbe arrivare nella capitale a prezzo di saldo. Per quanto riguarda invece l'interista, sarebbe un ottimo innesto a parametro zero. Gagliardini ha il contratto in scadenza questo giugno e già oggi è libero di accordarsi con una squadra con cui disputare la prossima stagione. L'approdo dell'ex Atalanta a Roma seguirebbe le orme di un altro ex Inter come Matias Vecino, per provare in biancoceleste a ritrovare il ruolo da titolare in Serie A. Due strade percorribili che potrebbero avere un impatto minimo per le casse societarie e assicurare due giocatori di esperienza in vista della prossima stagione.