Venerdì 24 Maggio 2024
DORIANO RABOTTI
Sport

"Il rally Dakar su una Panda? Si può fare"

Marco Leva e Alexia Giugni, marito e moglie, stanno affrontando la corsa estrema su una vecchia 4x4: "Si comporta meglio del previsto"

Migration

di Doriano Rabotti

La Dakar su una Panda 4x4. Già scritta così sembra una roba da film, tipo quelli sul Maggiolino ’tutto matto’ Herbie di fine anni sessanta... E invece due equipaggi milanesi lo stanno facendo, grazie all’aiuto di un team speciale di cui parliamo a parte. Una delle due squadre in Panda che prende parte alla Dakar Classic, la gara parallela a quella principale che si disputa con vetture del secolo scorso (fino al 1999) è composto da moglie e marito, Alexia Giugni e Marco Leva. Sono loro a raccontarci dall’Arabia Saudita come è nata e come sta andando una sfida ai confini della realtà automobilistica. Trattandosi di intervista alla coppia, a volte le risposte sono doppie.

Marco, Alexia, come nasce la follia di fare la Dakar?

Marco: "È una sfida. La Panda è una macchina bellissima, indistruttibile, la regina di tutti i paesi di montagna. Io sono appassionato di Dakar, mi è venuta in mente l’idea e mi sono detto: perché non provarci?".

Chi dei due era più convinto tra moglie e marito?

Alexia: "Tutti e due".

Marco: "Io la sognavo, mia moglie era convinta".

Come è la convivenza in un abitacolo così estremo?

Marco: "È salutare per il matrimonio, perché dentro la macchina ci si dice di tutto e di più, ci si sfoga. Pensate che durante una tappa lei voleva abbandonarmi a un incrocio perché io ero il navigatore e avevo sbagliato una nota, quindi ci eravamo persi".

Alexia: "Confermo, come navigatrice io sono più brava di lui".

La Dakar è contemporaneamente un viaggio in terre inesplorate della geografia esterna e della psicologia interna: voi che cosa avete scoperto, in entrambi i casi?

Marco: "Di avere una resistenza alle difficoltà superiore a quanto immaginavo perché ci stanno mettendo a dura prova. Sulla geografia, stiamo attraversando paesaggi eccezionali, peccato che piova sempre".

Alexia: "In realtà per me la geografia esterna è fatta dalle persone, che si stanno rivelando accoglienti e curiose di conoscerci, anche se ovviamente il modo di vivere è completamente diverso dal nostro, soprattutto per quanto riguarda la condizione femminile. Quanto alle scoperte interiori, oltre alla gara c’è un mix di curiosità e desiderio di imparare".

Che cosa farete di diverso al ritorno, dopo questa esperienza, nel rapporto personale o nelle abitudini quotidiane?

Alexia: "Quando si torna si ricordano molto di più le cose belle rispetto per esempio alle notti passate all’addiaccio. Sicuramente apprezzeremo il nostro letto e il silenzio di casa nostra più di quanto non facessimo prima".

Marco: "Per prima cosa dormiremo per due giorni di fila. E vivremo dei ricordi delle ore vissute in questa esperienza".

La gara è più o meno dura del previsto?

Marco: "Molto più dura di quanto ci aspettassimo, sia dal punto di vista meccanico per il mezzo che da quello fisico per noi. Stare in macchina 14 ore è allucinante".

Alexia: "Molto più difficile, anche rispetto a come ce l’aveva raccontata chi l’ha già fatta".

La Panda come si comporta?

Alexia: "In tantissime situazioni meglio di quanto ci aspettassimo. Se avessimo saputo prima quello che abbiamo imparato qui, avremmo fatto qualche scelta tecnica diversa, dai vetri in plexiglass a una diversa disposizione delle luci. Ma la macchina fa cose che non ci aspettavamo".

Marco: "La Panda va a pezzi un po’ per volta, ma noi la teniamo insieme con il fil di ferro e la forza di volontà per portarla fino al traguardo".

Tornerete?

Marco: "Sì".

Alexia: "Sì...forse con una macchina diversa, o con la stessa macchina preparata diversamente. Ma sì, torneremo".