Mercoledì 19 Giugno 2024
FRANCESCO BOCCHINI
Formula1

Formula 1, scoppia il caso Red Bull. Parla Wolff: "Fiducia nella Fia"

Il team principal della Mercedes commenta la notizia secondo la quale la Red Bull, oltre all'Aston Martin, avrebbe violato il budget cap di 145 milioni di dollari per il 2021

Toto Wolff

Toto Wolff

Singapore, 30 settembre 2022 - "Non si tratta solo del 2021, ma anche del 2022 e del 2023. Si parla di un milione di dollari: una somma che fa la differenza tra vincere e perdere". Non si è fatta attendere la reazione delle altre scuderie alla notizia che la Red Bull, oltre all'Aston Martin, avrebbe violato il budget cap di 145 milioni di dollari per il 2021. Se le voci trovassero fondatezza, allora Toto Wolff pretenderebbe che fosse fatta giustizia. "Abbiamo fiducia nella trasparenza e nella leadership della Fia, ma dobbiamo capire cos'è successo. Il budget cap è importante perché mette tutti sullo stesso piano - le parole del team principal della Mercedes - Mohammed era chiaro e duro, vediamo cosa è successo, ma siamo preoccupati nel vedere i risultati. È un segreto non bello, siamo molto preoccupati. Se ci sono zone grigie nel regolamento? Le zone grigie sono piccole, non da milioni di dollari". 

"Se noi e Ferrari l'avessimo saputo..."

Wolff rincara ulteriormente la dose. "La Fia ha un gruppo di controllori competente. Noi sappiamo che loro sapevano, vediamo. Se noi e Ferrari avessimo saputo di poter spendere cinque milioni in più senza una penalità grande lo avremmo fatto. Ora vediamo la leadership della Fia e quali saranno le conseguenze. È importante per tutto il campionato sapere che tutti siamo uguali - aggiunge - Abbiamo regole sportive, tecniche e finanziarie. I tifosi? Siamo consapevoli che c’è anche il problema del 2022. Se loro ripetono la strategia, è una cosa importante anche per questo anno e per il futuro, perché avrebbero già fatto lo sviluppo“. 

Leggi anche: F1 a Singapore, gli orari