Giovedì 23 Maggio 2024

Darmian c’è sempre Lautaro spento

HANDANOVIC 6,5. Grande parata al 4’. Ferma Di Maria e fa in modo che la partita non prenda subito un indirizzo negativo.

D’AMBROSIO 6. Ha sulla testa una ghiotta palla gol su corner.

ACERBI 6. Il duello con Vlahovic è complicato, il serbo svaria molto e ha fisico per tenere sui contrasti. Lo contiene.

BASTONI 5,5. Spesso alto in appoggio a Dimarco, senza mai trovare lo spazio giusto. Troppo debole la respinta sul cross che porta all’1-0.

DARMIAN 6. Gli tocca Kostic. Lavora d’esperienza, quando può si lancia in avanti ma non fa male.

BARELLA 6. Primo tempo in prosecuzione con il momento negativo. Tanti palloni persi, impatto nullo in fase offensiva. Una "ruleta" in mezzo al campo lo rinvigorisce.

BROZOVIC 6. Inzaghi gli dà fiducia, il croato ripaga con la solita mole di chilometri e la consueta capacità di dettare i tempi.

MKHITARYAN 6. Regala un contropiede alla Juve dopo 3’. Risale lentamente la china e nella ripresa si costruisce (mancandola) l’occasione del possibile vantaggio.

DIMARCO 6. Un paio di ottimi inserimenti disinnescati al momento del tiro.

DZEKO 5,5. Limitato alle sponde, per quanto intelligenti, nella fase offensiva. Al tiro solo una volta: strozza troppo la conclusione.

MARTINEZ 5. Rispetto a Dzeko non riesce proprio ad entrare in partita.

All. INZAGHI 6. La squadra non segna nemmeno stavolta su azione. Le sue scelte non convincono granché. Eppure il pari vale oro.

Gosens 5. Non si capisce dove sia nel momento in cui Cuadrado ha una prateria per segnare. Lukaku 6. Prende due ammonizioni in maniera assurda, in compenso dal dischetto non sbaglia un colpo. Dumfries 6,5. Sua la sponda che porta al rigore. Asllani sv. Correa 6,5. Pochi minuti, ma di qualità.

Voto squadra 6.

Mattia Todisco