Sabato 25 Maggio 2024
GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO
Altri Sport

Ciclismo, Jonas Vingegaard contro il doping: "Chi imbroglia deve essere allontanato"

Il danese netto sull'argomento: "Io non barerei mai: voglio dimostrare a me stesso che posso vincere da pulito"

Jonas Vingegaard (Ansa)

Jonas Vingegaard (Ansa)

Roma, 31 dicembre 2022 - La stagione della Jumbo-Visma è stata così vincente da aver alimentato la fantasia dei malpensanti sul solito spauracchio doping: se in estate le domande scomode erano toccate a un - piccato - Wout Van Aert, in inverno ci pensa Jonas Vingegaard ad aprire di sua spontanea volontà l'argomento, lasciandosi andare a dichiarazioni che non lasciano spazio a interpretazioni.

No al doping

Il vincitore del Tour de France 2022, intercettato dai microfoni del quotidiano Algemeen Dagblad, ha lanciato una vera e propria invettiva verso chi bara nello sport. "Il mondo del ciclismo è cambiato: in Danimarca la gente sa che non imbrogliamo più o almeno questo è ciò che spero che sia il pensiero collettivo. Io in particolare non ho problemi a toccare questo argomento: gli errori appartengono al passato ed è un peccato che ne paghi le conseguenze anche la mia generazione. Non farei mai uso di sostanze dopanti e chi lo fa deve essere allontanato: voglio dimostrare a me stesso che posso farcela e agli altri che sono pulito e per farlo posso conservare i miei test per altri cento anni". Insomma, il messaggio di Vingegaard sul tema è forte e chiaro: così come lo è quello sui suoi obiettivi per il futuro. "Mi piacerebbe trionfare in tutti i Grandi Giri e poi conoscere meglio le Classiche: penso che il Giro di Lombardia e la Liegi-Bastogne-Liegi abbiano un percorso affine alle mie caratteristiche, ma sono consapevole che potrei non vincere mai queste corse".

Leggi anche - Ciclismo, Tadej Pogacar: "Il Tour de France l'obiettivo principale del 2023"