5 apr 2022

A Juve e Inter lo scudetto delle polemiche

‘Striscia’ premia Allegri, la ‘moviola’ non chiarisce tutti gli episodi dubbi. Caso plusvalenze, il 12 aprile si apre il processo per nove club

mattia todisco
Sport

di Mattia Todisco

Non c’è Juve-Inter senza coda di polemiche e l’ultimo derby d’Italia non ha fatto eccezione. Al triplice fischio hanno trionfato i nerazzurri nell’ennesimo incrocio tra le grandi rivali con episodi arbitrali a pioggia. Il più discusso è l’intervento di Bastoni su Zakaria a metà ripresa: il difensore interista interviene alle spalle dell’avversario e lo butta a terra, Irrati fischia un calcio di punizione dal limite. Al termine di un lunghissimo check, il Var conferma la posizione fuori dall’area. I dubbi restano. Nelle immagini al rallentatore l’impatto sembra avvenire sulla linea, quindi sanzionabile con un penalty. L’unica spiegazione possibile è che Mazzoleni, davanti al monitor, abbia giudicato insufficienti le immagini per avere la certezza al 100% sulla posizione del contrasto. Il controllo al monitor è stato particolarmente lungo anche in occasione del rigore che ha deciso la partita, ravvisato sempre dal Var per un intervento improvvido di Morata su Dumfries. Dopo la parata di Szczesny al primo tentativo di trasformazione di Calhanoglu, Irrati fischia una punizione per la Juventus a causa di una presunta spinta del turco su Danilo, rinvenuto sul pallone dopo la parata dell’estremo difensore. La sfera finisce in rete un attimo dopo con una carambola, Mazzoleni ordina la ripetizione del rigore: De Ligt entra troppo presto in area e impatta sull’azione. Per quanto filtrato, i vertici dell’Aia hanno avallato la decisione. Oltre agli episodi in area, hanno creato discussioni le scelte su Rabiot e Lautaro: prima il bianconero e poi il nerazzurro hanno rischiato il secondo giallo già nel primo tempo. Ieri Massimiliano Allegri si è visto recapitare il Tapiro d’oro da Striscia la Notizia. "Le sconfitte – ha detto – fanno parte del calcio, bisogna andare avanti perché la stagione non è finita. Irrati? È stato molto bravo, ha arbitrato bene. Poi le decisioni ogni tanto vanno da una parte e ogni tanto dall’altra".

Il day after dei bianconeri è stato amaro non solo per la sfida persa, ma anche per la prosecuzione dell’inchiesta della Procura di Torino sul caso plusvalenze (ieri sono stati ascoltati Cuadrado, Chiellini e Bonucci). Il 12 aprile ci sarà invece la prima udienza del processo sportivo a carico di Juventus, Napoli e altri nove club.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?