Giovedì 11 Aprile 2024

Reperti archeologici nei cantieri, il piano per valorizzarli

Patrimonio / L'intesa tra il Ministero della Cultura e il Gruppo FS

L'accordo mira a conservare il patrimonio storico emerso durante i diversi lavori

Archeological tools, Archeologist working on site, hand and tool.

La recente rinnovazione del Protocollo d'Intesa tra il Ministero della Cultura e l'Associazione Archeolog ETS, emanazione no profit del Gruppo FS, segna un ulteriore passo avanti nella collaborazione tra le sfere del patrimonio culturale e dello sviluppo infrastrutturale. Questo accordo, incentrato sulla gestione dei ritrovamenti archeologici emersi durante le opere ferroviarie e stradali, riflette un'ambizione condivisa di trasformare i potenziali ostacoli in occasioni di valorizzazione culturale per l'Italia. Il Ministro della Cultura e l'Amministratore Delegato del Gruppo FS hanno sottolineato l'importanza di questa collaborazione, che non solo facilita la realizzazione delle infrastrutture necessarie al Paese ma preserva e valorizza altresì il suo ricco patrimonio archeologico. Questa sinergia è esemplificata da interventi recenti nel Lazio, dove i lavori hanno portato alla luce significativi ritrovamenti, da un antico tracciato stradale a Pomezia a un sito produttivo e commerciale vicino Cerveteri, testimoniando l'incessante dialogo tra passato e presente. L'obiettivo del Protocollo d'Intesa è duplice: da un lato, garantire la conservazione e il restauro dei siti e dei reperti archeologici scoperti, dall'altro, promuovere iniziative per la loro fruizione pubblica. Questo include la realizzazione di mostre, il supporto attraverso forme di mecenatismo e la pubblicazione di materiali divulgativi che illustrino le scoperte in maniera accessibile a tutti. La strategia adottata mira a un approccio integrato che non solo tuteli il patrimonio storico ma ne faccia anche un pilastro per l'educazione e la cultura contemporanee. Grazie a questa collaborazione, l'Italia si conferma un modello nel bilanciare lo sviluppo delle proprie infrastrutture con la protezione e valorizzazione del suo inestimabile patrimonio culturale. Il rinnovato impegno tra il Ministero della Cultura e il Gruppo FS, attraverso l'Associazione Archeolog, è un esempio eloquente di come le sfide poste dalla modernizzazione possano diventare opportunità per riscoprire e rivalutare le radici storiche della nazione.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro