Lunedì 20 Maggio 2024

Maurizio Costanzo, la camera ardente in Campidoglio per l’ultimo saluto

Giorgia Meloni accolta da Maria De Filippi. Il sindaco Gualtieri: "Roma saprà ricordarlo". In centinaia in fila per l'addio al giornalista. Protomoteca aperta anche oggi domenica 26 febbraio dalle 10. I funerali solenni lunedì a Piazza del Popolo a Roma

Roma, 25 febbraio 2023 - Aperta la camera ardente in Campidoglio per l'ultimo saluto a Maurizio Costanzo, giornalista e autore, conduttore televisivo morto ieri, venerdì 24 febbraio a Roma. Ad accogliere il feretro in sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e due dei figli del giornalista, il regista Saverio Costanzo e la sceneggiatrice Camilla Costanzo. La Sala della Protomoteca (ingresso dal Portico del Vignola) sarà apertura al pubblico oggi il 25 febbraio dalle ore 10.30 alle 18 e domani, domenica 26 febbraio dalle ore 10 alle 18. I funerali si svolgeranno lunedì 27 febbraio, alle ore 15, nella Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo. 

Roma, Maurizio Costanzo e Sinisa Mihajlovic sepolti al Verano: ok dalla commissione

La diretta di domenica 26 febbraio 2023: Maurizio Costanzo, diretta dalla camera ardente, aperta fino alle 18 in Campidoglio  

Maria De Filippi alla camera ardente: abbracci e lacrime

Costanzo, Giorgia Meloni e Maria De Filippi alla camera ardente
Costanzo, Giorgia Meloni e Maria De Filippi alla camera ardente

All'apertura della sala, oltre un centinaio di persone erano in fila sotto la pioggia per l'ultimo saluto al giornalista. Tra i primi a rendere omaggio l'ex sindaco di Roma Francesco Rutelli con la moglie Barbara Palombelli ed Emanuela AureliGianni Ippoliti.  Insieme alla bara sono stati portati all'interno quattro vasi di rose bianche. In fondo alla sala, tra le corone quella di Roma Capitale e della Regione Lazio. Mara Venier e Pierluigi Diaco sono entrati nella Sala della Protomoteca mano nella mano e in lacrime. In particolare Diaco era particolarmente legato al conduttore perché aveva celebrato la sua unione civile con il collega Alessio Orsingher.

Clicca sull'immagine per sfogliare la gallery

Il feretro di Maurizio Costanzo arriva alla camera ardente in campidoglio
Il feretro di Maurizio Costanzo arriva alla camera ardente in campidoglio

Gli ultimi giorni

Maurizio Costanzo è morto nella clinica romana Paideia dove si trovava ricoverato da qualche settimana dopo un piccolo intervento di routine. Negli ultimi giorni le sue condizioni di salute sono peggiorate, fino a venerdì quando è scomparso all'età di 84 anni nella clinica del quartiere Parioli, dove prima del peggioramento della sua salute, aveva anche seguito in tv l'ultima edizione del Festival Di Sanremo.  

Nato a Roma il 28 agosto 1938, Costanzo ha firmato decine di programmi radiofonici e televisivi e di commedie teatrali (Il marito adottivo, Vuoti a rendere ecc.). Ha raggiunto la grande popolarità nel 1976, conducendo in Rai il talk-show Bontà loro. Ma il suo nome è legato anche al Maurizio Costanzo show, in onda dal 1982 su Mediaset. Tra i suoi programmi più noti, anche Buona domenica. Ha scritto numerosi libri, tra i quali Chi mi credo di essere (2004, in collab. con G. Dotto), E che sarà mai? (2006), La strategia della tartaruga (2009), Sipario! 50 anni di teatro. Storia e testi (2015), Vi racconto l'Isis (2016) e Smemorabilia. Catalogo sentimentale degli oggetti perduti (2022). Dal 1995 è sposato con Maria De Filippi. 

Morte Maurizio Costanzo. Mattarella: "Si schierò con coraggio contro la mafia"

Costanzo: genio, arguzia e fiuto per i talenti. Baudo: "Rivoluzionò la televisione"

La diretta

25-02-202311:32:00Gualtieri: "Roma saprà ricordarlo"

"E' un omaggio commovente dei romani e delle romane a un gigante della TV, della cultura e del giornalismo italiano. Una persona molto dolce, molto empatica, un professionista inarrivabile, un pezzo della storia del costume e della cultura italiana. E' una persona a cui tutti quanti dobbiamo molto". Cosi' il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, a margine della camera ardente di Maurizio Costanzo. Ci sarà una via o una piazza a lui intitolata? "Roma saprà ricordarlo, ora è il momento del cordoglio" ha risposto.

11:45Le lacrime di Valerio MastandreaE' arrivato commosso alla camera ardente l'attore Valerio Mastandrea, in mano tiene stretta una rosa. Maurizio Costanzo lo ha scoperto quando aveva solo 19 anni.
NaN:NaNDiaco: E' stato tutto nella mia vita"

"L'ho conosciuto a 15 anni. E' stato tutto nella mia vita, un alleato, un maestro, un papa'". Così il conduttore Pierluigi Diaco lasciando visibilmente commosso, la camera ardente in Campidoglio dove era arrivato insieme al marito Andrea e a Mara Venier.

11:48Un flusso di centinaia di persone di ogni età. Rutelli: "Ha parlato a milioni di italiani"

"Lui ha aiutato milioni di italiani a capire e esplorare la vita. Nel suo modo spiritoso, sobrio, curioso, per capire cosa c'è dietro l'angolo", ha detto Francesco Rutelli all'uscita della camera ardente per Maurizio Costanzo in sala della Protomoteca in Campidoglio. Dalle 10:30, è iniziato il flusso ininterrotto di persone, appartenenti tutte le età. Tra i volti noti arrivati finora, anche Gianni Ippoliti, Mara Venier, Pierluigi Diaco, che è scoppiato in lacrime, Rudy Zerbi, Ermete Realacci e Valerio Mastandrea, entrato con una rosa in mano.

11:53Fiorello alla camera ardente

Passando da un'entrata laterale è arrivato Rosario Fiorello alla camera ardente per Maurizio Costanzo in sala della Protomoteca in Campidoglio. Lo showman in segno di omaggio si è fermato in raccoglimento ponendo le mani ai due lati del feretro e insieme alla moglie si è fermato a lungo con familiari e amici del giornalista.

11:59Virgiania Raggi: "Grande insegnante di vita"

"Da lui ho avuto un insegnamento di vita e umano. Una cosa che ci siamo sempre detti è che ci siamo conosciuti tardi. Provavamo a tirar fuori idee per la città che entrambi amiamo. Ho scoperto una persona di una profondissima umanità, capace di parlare di cose molto profonde e molto leggere allo stesso tempo, di ridere e di emozionarci", cosi l'ex sindaca di Roma Virginia Raggi all'uscita dalla camera ardente.

12:35L'arrivo di Maria De Filippi, con lei il figlio Gabriele

Maria De Filippi è arrivata, passando da un ingresso laterale, alla camera ardente per il marito Maurizio Costanzo in Campidoglio. Con lei, il figlio adottivo della coppia, Gabriele, in lacrime. Insieme si sono messi in prima fila nei posti per parenti e amici e la conduttrice, completo e occhiali neri, continua a parlare con il figlio per consolarlo, guardando anche il flusso di persone che arriva in omaggio al marito.

13:15Rossella Brescia: "Amava il cha cha cha"

"Maurizio Costanzo adorava il cha cha cha. L'abbiamo ballato spesso insieme. Era uno straordinario interprete". Arrivata alla camera ardente allestita in Campidoglio, Rossella Brescia ha ricordato così Maurizio Costanzo, scomparso ieri. "Un vuoto immenso per me la sua morte- ha aggiunto- pensavo fosse immortale".

13:45Rocca: "Bisognerebbe dedicargli un teatro"

"Maurizio  Costanzo è un gigante della televisione, della cultura, ma è come se ci avesse lasciato uno di famiglia. La sua presenza era una costante delle nostre serate. Mia nonna diceva 'C'è Maurizio', e questo sintetizza perfettamente chi era Maurizio Costanzo per gli italiani. È un pilastro della cultura romana, con quel disincanto e quella fermezza con cui affrontava anche argomenti importanti, come la lotta alla mafia, che portava all'attenzione della gente in modo semplice. È sicuramente una grande perdita per tutti. Sarebbe giusto- ha infine risposto ai cronisti- se gli dedicassero un teatro", le parole del neo presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca fuori dalla Promoteca. 

14:16Il ministro Sangiuliano alla camera ardente: "Era un maestro"

Vip, politici e tanti romani alla camera ardente. E' incessante l'omaggio di Roma a Maurizio Costanzo. "Quando è nato 'Tg2 Post' ho chiamato Maurizio Costanzo per avere le sue impressioni - ha detto il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, giunto alla camera ardente -.Era un maestro di televisione e mi ha dato dei consigli molto affettuosi e amichevoli che ho apprezzato grandemente. Credo che abbia lasciato un segno importante nel giornalismo e nella televisione italiana e anche per questo, d'intesa con Palazzo Chigi, abbiamo deciso di proclamare i funerali in forma solenne".

14:24L'arrivo della presidente Giorga Meloni La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, è arrivata in Campidoglio per rendere omaggio a Maurizio Costanza nella camera ardente allestita nella Sala della Protomoteca. Meloni è stata accolta dal sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e dalla moglie Costanzo, Maria De Filippi.   
14:58Meloni: "Era capace di dialogare con tutti"

Maurizio Costanzo "ci lascia l'eredità di un grande giornalismo capace di dialogare con tutti e di capire che la dimensione umana delle cose è molto importante. Lui era un uomo con le sue idee ma capace di capire tutti e gli interessava moltissimo il carattere umano delle persone", le parole della premier Giorgia Meloni all'uscita dalla camera ardente in sala della Protomoteca in Campidoglio. "Non ce ne sono moltissimi capaci di fare quello che ha fatto lui in questi anni - ha aggiunto -. È stato anche un grandissimo scopritore di talenti, una persona alla quale piaceva cercare di capire anche cosa potesse dire chi non aveva ancora grandi responsabilità". Giorgia Meloni spiega "di essere legata a lui da ricordi molto antichi, non posso dire di essere un talento che ha scoperto ma le mie primissime partecipazioni televisive sono state al Maurizio Costanzo Show, avevo più o meno 17 anni. È una persona che ha attraversato la nostra storia che aveva un suo chiaro punto di vista sulle vicende, perdiamo un grande giornalista"

16:08Lunedì i funerali solenni per Maurizio CostanzoFunerali solenni per Maurizio Costanzo, sono stati disposti dal ministro della Cultura e si svolgeranno lunedì 27 febbraio, alle ore 15, nella Chiesa degli Artisti, in piazza del Popolo, a Roma. Con i funerali solenni il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, ha voluto rendere omaggio al "grande giornalista che, con acume, garbo e professionalità ha attraversato decenni di cultura italiana". La formula delle esequie solenni è prevista in caso di eventi luttuosi che colpiscano in modo particolare la coscienza comune. Funerali solenni sono stati celebrati anche per Alberto Sordi, morto vent'anni fa, il 24 febbraio 2003, nella basilica di San Giovanni in Laterano, con 250 mila persone in piazza. E per Mike Bongiorno nel 2009, nel Duomo di Milano. Nel novembre 2020, Roma proclamò il lutto cittadino per Gigi Proietti.
16:44Salvo Sottile:" "Sulla mafia non abbassò mai la guardia"

Padre del talk show italiano di cui inventò una veste nuova e moderna, ma anche giornalista impegnato contro la mafia", così il conduttore Salvo Sottile ricorda Maurizio Costanzo a margine della camera ardente aperta in Campidoglio oggi e domani a Roma. "Sulla mafia Maurizio aveva un pallino - ha detto Sottile - è stato un uomo in prima linea, l'ha  combattuta davvero, lo ha fatto con la staffetta, quella storica staffetta con Michele Santoro, e la mafia gliela fece pagare cara con gli attentati del 1993, addirittura Messina Denaro andò al Parioli di persona a fare un sopralluogo. Nonostante questo continuò a fare una vita tranquilla, certo aveva un po' la sensazione di essere un sopravvissuto, ma non abbassò mai la guardia sulla mafia, continuò a fare tante trasmissioni, e la sua grandezza si è vista in questo".

16:51

Lino Banfi strappa un sorriso: "Con la sua galanteria avrà fatto passare prima mia moglie"

"Voglio continuare a fare il comico sennò piangiamo tutti. Stanno morendo quasi tutti e Maurizio con la sua galanteria che lo distingueva avrà fatto passare prima mia moglie. Ora staranno insieme". E' quanto ha dichiarato Lino Banfi dopo l'ultimo saluto a Maurizio Costanzo alla Camera ardente del Campidoglio.  "In questi giorni gira un video che avevamo fatto io e Maurizio - ha aggiunto - Intorno agli anni '90 facevamo i vecchietti. Lui mi diceva, scherzando, 'A Li tu morirai prima di me perché hai due anni in più di me'. 'E chi l'ha detto?', gli rispondevo. Ma come è strano il destino. In questi giorni è morta anche mia moglie".
17:27Il ricordo di suor Paola d'Auria

Tra quanti piangono Maurizio Costanzo c'è anche una suora. Si tratta di suor Paola d'Auria, la religiosa tifosissima della Lazio, da sempre in prima fila per gli ultimi e i più disagiati. Proprio per il prezioso servizio che svolge, suor Paola veniva spesso chiamata al Maurizio Costanzo Show. "Le prime volte - dice la suora all'Adnkronos - ero ancora giovane e non avevo notato un suo grande pregio: un uomo tanto gentile, paziente. Non toglieva mai la parola. Un dono raro". Suor Paola era stata al Costanzo show anche nella nuova edizione: "Quella pazienza e gentilezza a cui non avevo dato peso, erano sempre presenti in lui. C'è una cosa che mi fa sorridere ancora oggi: con quel suo modo di fare tanto 'romano' sembrava ti volesse prendere in giro. Non era così naturalmente. La sapeva lunga, perdiamo un uomo saggio".

17:36Flusso continuo di persone fino all'ultima mezz'ora. La camera ardente, sarà aperta anche domani, domenica 26 febbraio

Prosegue costante anche in quest'ultima mezz'ora il flusso di cittadini, amici e colleghi di Maurizio Costanzo che sta rendendo omaggio alla camera ardente del conduttore allestita in Campidoglio.  Nella camera ardente le corone del Comune di Roma, della Regione Lazio e una foto sorridente di Costanzo posata sul feretro, dove è ben visibile anche la storica cartellina del conduttore con scritto "Maurizio Costanzo Show". C'è chi in questa giornata ha portato dei fiori, chi un disegno raffigurante una tartaruga. Si racconta che Costanzo regalasse sempre delle tartarughine a chi lo andava a trovare.  In molti hanno parlato di Costanzo come di "un gigante della tv" ricordando il suo amore per Roma e il suo impegno nella lotta alla mafia. I tanti affezionati avranno tempo ancora domani domenica 26 febbraio per salutare Costanzo in Campidoglio (la Sala della Protomoteca sarà apertura al pubblico oggi il 25 febbraio fino alle 18 e domani, domenica 26 febbraio dalle ore 10 alle 18), prima dei funerali solenni che saranno celebrati lunedì alla Chiesa degli Artisti.