Polizia
Polizia

Roma, 29 giugno 2021 – Appena dimesso dal pronto soccorso di Civitavecchia, ha approfittato di un momento di distrazione dell’autista di un’ambulanza parcheggiata fuori dall’ospedale per rubare il marsupio all’operatore sanitario, rimasto incustodito sul sedile. L’uomo, però, è stato fermato poco dopo presso la stazione ferroviaria e ha ammesso il furto.

La vicenda

A quanto ricostruito, l'autista del 118, arrivato all'ospedale di Civitavecchia alla guida dell'ambulanza, aveva lasciato sul mezzo il marsupio con i suoi effetti personali per accompagnare all'interno del pronto soccorso un paziente. Quando è risalito sull'ambulanza si è accorto che il borsello, con all'interno il portafoglio con tutti i documenti e la somma di 130 euro, era sparito.

A quel punto l’operatore sanitario ha raccontato alla polizia che durante le operazioni di trasporto del paziente dentro l’ospedale, aveva notato un ragazzo appena dimesso aggirarsi con fare sospetto all'esterno del pronto soccorso e ha fornito una sommaria descrizione del giovane.

Fermato, ha subito confessato di aver gettato il marsupio e di aver preso soltanto il denaro contante. Il marsupio con all'interno tutti i documenti è stato poi recuperato dagli agenti e restituito insieme al denaro al proprietario, mentre l’uomo è stato denunciato per furto.