Venerdì 12 Luglio 2024

"Pronto a paracadutarmi sull’Europarlamento. Sono qui per rovesciare il Green Deal"

Il generale Vannacci, nuovo eurodeputato della Lega, si prepara a iniziare il suo mandato al Parlamento europeo con un approccio militare, citando sicurezza, rovesciamento del Green deal e identità come priorità. Si dice pronto a collaborare con il Rassemblement national e critica il "cordone sanitario" contro il gruppo Identità e democrazia.

"Pronto a paracadutarmi sull’Europarlamento. Sono qui per rovesciare il Green Deal"

"Pronto a paracadutarmi sull’Europarlamento. Sono qui per rovesciare il Green Deal"

"Sono pronto a paracadutarmi sul Parlamento europeo, aspetto solo l’autorizzazione". Lo ha dichiarato il generale Roberto Vannacci (in foto) al suo primo giorno di lavoro al Parlamento europeo, dove ha avviato le procedure per l’accredito in vista dei prossimi cinque anni da eurodeputato. Interpellato sugli incontri fatti durante la giornata il generale eletto tra le file della Lega non si è risparmiato nell’utilizzare il linguaggio militare. "Nel mio campo quello che ho fatto oggi si chiama ‘ricerca e presa di contatto’: osservo, mi oriento e studio il mio campo di battaglia, e poi comincio a lavorare", ha detto. Tra le priorità del suo mandato l’eurodeputato ha citato: "Sicurezza, rovesciamento del Green deal e identità".

Una prima impressione sul Parlamento? "È molto grande, sono contento di cominciare", ha scherzato il generale ligure.

Il nuovo eurodeputato si è detto "pronto a lavorare" con i colleghi francesi del Rassemblement national (Rn) di Marine Le Pen. L’espressione ‘cordone sanitario’, "non è democratica – ha detto l’ufficiale spezzino – riferendosi all’isolamento politico a cui è stato relegato il gruppo Identità e democrazia (di cui fa parte la Lega e lo stesso Rn) – negli ultimi cinque anni all’Eurocamera". In una democrazia tutte "le forze politiche" devono avere voce in capitolo "ed esprimere le proprie opinioni e posizioni".