Mercoledì 24 Aprile 2024

Meloni: “La sinistra cerca di creare crepe nei rapporti tra me e Mattarella”

La premier ha spiegato che non si riferiva al capo dello Stato quando ha parlato del pericolo di "togliere il sostegno delle istituzioni” agli agenti, ma “alla sinistra capace sempre di criticare e mai difendere le forze dell’ordine”

Toronto, 2 marzo 2024 - "Ce l'avevo con la sinistra sempre capace di criticare quando le cose vanno male ma mai capace di difendere le forze dell'ordine", così la premier Giorgia Meloni ha risposto i giornalisti che al punto stampa a Toronto gli domandavano se si fosse riferita al presidente della Repubblica nella sua dichiarazione sul pericolo di "togliere il sostegno delle istituzioni a chi ogni giorno rischia la sua incolumità per garantire la nostra".

Giorgia Meloni a Toronto parla con i giornalisti
Giorgia Meloni a Toronto parla con i giornalisti

"Da quello che so io - ha continuato la premier - il Quirinale non fa filtrare i propri umori: quando ha qualcosa da dire la dice. Se qualcuno pensa che la mia dichiarazione si riferisse a Mattarella significherebbe che io penso che Mattarella abbia tolto il sostegno alle forze dell'ordine, ma non è così e io non mi riferivo al Capo dello Stato". E ha aggiunto: "Mi riferivo a diversi parlamentari di sinistra, il Parlamento è un'istituzione".

La Meloni ha visto in tutto ciò "un tentativo di creare una crepa nei rapporti con il Quirinale ma i rapporti con Mattarella sono ottimi'', e ha avvertito: "La sinistra non strumentalizzi l'autorevolezza del Capo dello Stato per una battaglia sul premierato".

Anzi la premier ha sottolineato: "Chi è serio sa benissimo che la riforma costituzionale non tocca i poteri del capo dello Stato". "Sergio Mattarella è una figura di garanzia. Non si può utilizzare l'autorevolezza del Capo dello Stato per fare una campagna contro il premierato e per un interesse di partito. È una mancanza di rispetto nei confronti del presidente della Repubblica", ha concluso Giorgia Meloni.