Giovedì 18 Aprile 2024

Schlein: “Ilaria Salis non sarà candidata alle europee”. L’incontro con il papà della maestra detenuta in Ungheria

La segretaria del Pd fa chiarezza: “Non c’è nessuna trattativa, questa ipotesi non è in campo. Ho incontrato il padre per capire come possiamo risolvere una situazione umiliante”

Roma, 3 aprile 2024 –  La candidatura alle Europee di Ilaria Salis nelle liste del Pd "in questo momento non è in campo". Lo ha detto la segretaria dem Elly Schlein durante la registrazione della puntata di ‘Cinque minuti’ su Rai 1. "No, questa ipotesi al momento non è in campo e soprattutto ho letto elucubrazioni su trattative: non c'è nessuna trattativa, ho voluto incontrare il padre di Ilaria Salis per discutere con lui come possiamo riuscire a togliere una cittadina italiana da questa situazione umiliante".

Ilaria Salis in tribunale a Budapest (Ansa)
Ilaria Salis in tribunale a Budapest (Ansa)

In mattinata Elly Schlein e il padre di Ilaria Salis, secondo quanto riferito da fonti dem, hanno fatto il punto sulla "situazione incresciosa" in cui si trova la giovane maestra monzese detenuta in Ungheria.

Sullo sfondo, la possibile candidatura per la donna alle prossime elezioni europee, in programma l’8 e 9 giugno. Una ipotesi, però, seccamente smentita dalla segretaria. La stessa Schlein ha poi risposto alla maggioranza, che aveva accusato il Pd di voler strumentalizzare e politicizzare il caso: “Più che chiedere al Pd sulle liste, questione da cui terrei fuori situazioni delicate come questa, vorrei chiedere al governo cosa sta facendo per difendere i diritti e la dignità di una cittadina che viene anche umiliata dai ceppi e dal guinzaglio con cui viene tradotta in tribunale. Non è accettabile che una cittadina italiana venga trattata in questo modo in un paese europeo".  

Roberto Salis ha spiegato a 'Buongiorno' su Sky Tg24, che con la figlia “ha a disposizione solo 70 minuti alla settimana per le telefonate". "Quindi dobbiamo attenerci soprattutto alle cose operative che la riguardano – ha aggiunto –. Le sue condizioni carcerarie sono state migliorate, ma molto poco: dei miglioramenti palliativi; le cimici nei materassi ci sono ancora. Ilaria spera che la tiriamo fuori da lì".