Elezioni, foto generica (LaPresse)
Elezioni, foto generica (LaPresse)

Roma, 2 marzo 2018 - Mancano meno di 48 ore all'apertura dei seggi per le elezioni del 4 marzo 2018. Ecco il glossario di base delle elezioni 2018. Sono tre parole che bisogna conoscere, nel significato e nel senso. 

Elezioni 4 marzo 2018, la guida completa al voto

Elezioni 4 marzo, via al voto. Quando si sapranno i risultati (lo spoglio in tv)

a cura di ETTORE MARIA COLOMBO

IL ROSATELLUM - Il 'Rosatellum' è il nuovo sistema elettorale in vigore in Italia, varato con la legge 165/2017. È un meccanismo cosiddetto "misto" perché assegna il 64% dei seggi in collegi plurinominali con metodo proporzionale
e il restante 36% in collegi uninominali con metodo maggioritario.

Elezioni 4 marzo 2018, come si vota. Schede, orari e documenti

MAGGIORITARIO - Sono 232, su 630 seggi, i collegi uninominali assegnati alla Camera dei Deputati, tolti i 12 seggi attribuiti alle circoscrizioni Estero. Sono 116, su 315, i collegi uninominali assegnati al Senato, tolti i 6 dell’Estero. Trentino-Alto Adige (6 collegi Camera e 6 Senato) e Valle d’Aosta (1 e 1) hanno collegi uninominali puri.

Elezioni 4 marzo 2018, perché non si deve inserire la scheda nell'urna

Elezioni 4 marzo 2018, come i voti diventano seggi

Com'è fatta la scheda elettorale

PROPORZIONALE - Sono 386, su 630, i collegi plurinominali assegnati alla Camera dei Deputati con metodo pienamente proporzionale effettuato su base nazionale. Sono 193 i collegi plurinominali assegnati al Senato con metodo proporzionale su base regionale. Le circoscrizioni sono 28 alla Camera e 20 al Senato.

Elezioni 4 marzo, le soglie di sbarramento. Chi entra e chi esce

Elezioni 4 marzo 2018, orari di voto. Come funziona lo spoglio (politiche e regionali)

Elezioni 4 marzo 2018, i leader: Renzi, Berlusconi, Salvini, Di Maio e Grasso

Elezioni 4 marzo 2018, dove finisce il tuo voto