Elezioni, un'immagine d'archivio (Dire)
Elezioni, un'immagine d'archivio (Dire)

Roma, 28 febbraio 2018 - Le elezioni politiche del 4 marzo si avvicinano, con gli italiani chiamati a rinnovare il Parlamento (in Lazio e Lombardia si vota anche per le elezioni regionali). Per la prima volta verrà utilizzata una scheda elettorale antifrode, ovvero nella scheda sarà presente un 'tagliando antifrode' per impedire il voto di scambio usando schede già votate. Il tagliando servirà a rafforzare la regolarità del voto ed evitare tentativi di manipolazione o, peggio, condizionamenti del voto da parte esterna, ad esempio dalle mafie. Proprio su questo terreno nei giorni scorsi il ministro Minniti ha ricordato che le mafie "votano e fanno votare", e ha ribadito il massimo impegno su più fronti contro eventuali tentativi di condizionare il voto. 

Elezioni 4 marzo, come funziona il Rosatellum. La legge elettorale spiegata bene

Elezioni 4 marzo, tessera elettorale smarrita o completa? Ecco cosa fare

Com'è fatta la scheda elettorale

Le soglie di sbarramento. Chi entra e chi esce

Elezioni 4 marzo 2018, come i voti diventano seggi

Elezioni 4 marzo 2018, orari di voto. Come funziona lo spoglio (politiche e regionali)

Il Rosatellum prevede quindi l'introduzione di un tagliando con un codice, che verrà verificato dallo scrutatore dopo il voto. L'elettore non dovrà più inserire la scheda nell'urna, come è stato fino ad oggi, ma dovrà consegnarla al presidente del seggio. Solo dopo il controllo il presidente inserirà la scheda nell'urna che - dopo aver staccato il tagliando - tornerà ad essere anonima. 

Elezioni 4 marzo 2018, i leader: Renzi, Berlusconi, Salvini, Di Maio e Grasso

Entriamo nel dettaglio del meccanismo. Ogni scheda è dotata, come detto, di un apposito tagliando rimovibile, "tagliando antifrode". Questo ha un codice progressivo alfanumerico, che sarà annotato al momento dell'identificazione dell'elettore e della consegna della scheda con cui lo stesso elettore potrà recarsi nell'apposito posto all'interno della sezione in cui - in completa privacy - potrà esprimere la sua scelta. Una volta votato, l'elettore consegnerà quindi la scheda al presidente del seggio. E sarà compito del presidente staccare il "tagliando antifrode" e verificare la corrispondenza di quel numero di codice con quello annotato quando all'elettore è stata consegnata la scheda. Solo a verifica ultimata e accertata la corrispondenza, la scheda verrà inserita - dal presidente, ribadiamo - nell'urna. E l'elettore potrà lasciare il seggio.

image

I tre scenari possibili dopo il 4 marzo

COME SI VOTA

Il meccanismo è descritto nell'articolo 58 della legge 361 del 1957, come aggiornata dalla legge che ha introdotto il Rosatellum. L'elettore consegna al presidente la scheda chiusa e la matita. Il presidente constata la chiusura della scheda e, nel caso in cui non fosse chiusa, invita l'elettore a chiuderla, facendolo rientrare in cabina; ne verifica l'identità esaminando la firma e il bollo, e confrontando il numero scritto sull'appendice con quello scritto sulla lista; ne stacca l'appendice seguendo la liena tratteggiata, stacca il tagliando antifrode dalla scheda, controlla che il numero progressivo sia lo stesso annotato prima della consegna e, successivamente, pone la scheda senza tagliando nell'urna. Questo sistema è stato introdotto per evitare che il cittadino porti con sé e consegni schede contraffatte, compilate fuori dal seggio

image