Elezioni 2018 (Dire)

Roma, 1 marzo 2018 - Le elezioni 2018 sono alle porte, domenica 4 marzo dietro l'angolo. Nell'intricato labirinto del Rosatellum bis, la nuova legge elettorale, ecco una rapida guida per capire che fine faccia, e a cosa contribuisca dal punto di vista tecnico, il voto espresso sulla scheda. 

a cura di ETTORE MARIA COLOMBO

Elezioni 4 marzo 2018, la guida completa al voto

Elezioni 4 marzo, come funziona il Rosatellum. La legge elettorale spiegata bene

Elezioni 4 marzo 2018, perché non si deve inserire la scheda nell'urna

Elezioni 2018, come si vota. Simulazioni con la scheda elettorale

Elezioni 4 marzo 2018, i leader: Renzi, Berlusconi, Salvini, Di Maio e Grasso

UNINOMINALE - In ogni collegio uninominale vince, tra i diversi candidati presenti sulla scheda, appoggiati da un partito o una coalizione, quello che arriva primo, anche solo per un voto, su tutti gli altri. Dunque, tutte le sfide nei collegi uninominali (232 alla Camera e 109 al Senato) sono uno contro uno. La logica è mutuata dal sistema maggioritario inglese, tutto basato  sui collegi uninominali, e viene detta del "the winner takes it all" (il primo prende tutto). 

Elezioni 4 marzo 2018, come i voti diventano seggi

Com'è fatta la scheda elettorale

PLURINOMINALE - Ci si può candidare solo in un collegio uninominale e fino a 5 collegi plurinominali. In caso di elezioni in più collegi, il candidato si ritiene eletto nel collegio uninominale o nel collegio plurinominale dove la sua lista ha preso la percentuale minore di voti. I collegi plurinominali sono raggruppati in circoscrizioni elettorali. Il metodo di elezione è proporzionale e i nomi dei candidati (da 2 a 4) nei listini di ogni lista servono a determinarlo.

Elezioni 2018, i tre scenari possibili dopo il 4 marzo

NORMA DI GENERE - Ogni lista elettorale deve rispettare la norma di genere. Ognuno dei due sessi non può rappresentare più del 60% (e non meno del 40%) di tutti i candidati nei collegi uninominali. Anche nei collegi plurinominali va rispettata la norma di genere per i capilista, mentre la collocazione dei candidati nei listini deve rispettare un ordine alternato di genere (uomo-donna o donna-uomo).

Elezioni 4 marzo 2018, orari di voto. Come funziona lo spoglio (politiche e regionali)