Martedì 23 Luglio 2024

Caso vaccini, l’emendamento per cancellare l’obbligo è inammissibile

L'emendamento al decreto sulle liste d'attesa proposto dal senatore Claudio Borghi della Lega, che chiedeva di cancellare l'obbligo vaccinale per minori fino a 16 anni e minori stranieri non accompagnati, sarà dichiarato inammissibile per estraneità di materia dalla commissione Affari sociali del Senato. Il Carroccio avrebbe proposto la libertà di scelta, ma l'emendamento ha suscitato polemiche e critiche, incluso da parte della società italiana di pediatria preventiva e sociale.

Caso vaccini, l’emendamento per cancellare l’obbligo è inammissibile

Caso vaccini, l’emendamento per cancellare l’obbligo è inammissibile

Non sarà esaminato l’emendamento al decreto legge sulle liste d’attesa presentato dal senatore della Lega Claudio Borghi (nella foto), che chiede di cancellare l’obbligo vaccinale per i minori fino a 16 anni e i minori stranieri non accompagnati.

A quanto si apprende da fonti parlamentari, l’emendamento verrà dichiarato inammissibile per estraneità di materia quando domani mattina si riunirà la commissione Affari sociali del Senato, che sta esaminando il decreto. Il Carroccio avrebbe lasciato libertà di scelta. Anche ieri è stata una giornata in cui ci sono state diverse polemiche nei confronti dell’emendamento. Sul tema sono intervenuti anche gli iscritti alla Sipps, la società italiana di pediatria preventiva e sociale: "Senza l’obbligo vaccinale i bimbi sono più fragili".