Mercoledì 24 Aprile 2024

Venere degli stracci bruciata a Napoli, il sindaco Manfredi: “Pistoletto rifarà l’opera, ma non sarà uguale a prima”

L’artista piemontese sta ideando una nuova versione dell’installazione andata a fuoco in piazza del Municipio lo scorso 12 luglio

Un incendio ha distrutto la Venere degli stracci in piazza del Municipio

Un incendio ha distrutto la Venere degli stracci in piazza del Municipio

Napoli, 25 luglio 2023 – La Venere degli stracci bruciata all’alba dello scorso 12 luglio risorgerà dalle ceneri: lo scultore piemontese Michelangelo Pistoletto sta ideando una nuova versione dell’istallazione artistica che possa sostituire quella andata a fuoco per un atto doloso in piazza del Municipio che era stata inaugurata alla fine di giugno. Lo ha annunciato il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, rispondendo a una domanda dei ragazzi del Giffoni Film Festival in corso in questi giorni. 

Approfondisci:

Bruciata la ‘Venere degli stracci’ di Pistoletto: fermato un 32enne senza fissa dimora

Bruciata la ‘Venere degli stracci’ di Pistoletto: fermato un 32enne senza fissa dimora

Il sindaco: “L’opera sarà rifatta ma non uguale a prima”

"Michelangelo Pistoletto sta ideando una nuova opera. L'artista in sostanza rifarà l'opera, anche se non sarà uguale a quella di prima” ha detto il sindaco. "Si tratta di un momento di trasformazione.

Approfondisci:

Venere degli stracci bruciata, Pistoletto: “Non sono stupito ma spaventato. Segno della situazione drammatica del nostro tempo”

Venere degli stracci bruciata, Pistoletto: “Non sono stupito ma spaventato. Segno della situazione drammatica del nostro tempo”

"L'artista sta elaborando la sua idea per realizzarla di nuovo, anche se non uguale. Va tenuto conto di quello che è successo. Tutto quello che accade lascia una traccia. Anche questo è un percorso – ha proseguito Manfredi – Non dobbiamo avere paura della diversità. Dobbiamo avere paura della violenza ma non negarla, va capita. Anche questa esperienza può essere molto utile per tutti noi per capire qual è la difficoltà della nostra società”.