Napoli, catturato il latitante Gaetano Angrisano, era nella lista dei 100 più pericolosi d’Italia

Il camorrista, 31 anni, è stato ammanettato durante la festa di compleanno del figlio di due anni

Napoli, 14 dicembre 2023 – È ritenuto tra i 100 latitanti più pericolosi d'Italia, il 31enne Gaetano Angrisano, elemento di spicco del clan della ‘Vanella Grassi’, scovato e arrestato la scorsa notte dai carabinieri a Scampia. Oltre 250 carabinieri hanno cinturato il rione di Napoli: Angrisano è stato ammanettato durante la festa di compleanno del figlio di due anni, organizzata nel lotto G, la sua roccaforte. Per un anno e mezzo è sfuggito alle manette, nonostante una condanna a 10 anni di reclusione pendente per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. I militari hanno seguito le sue tracce, svolgendo indagini tecniche e tradizionali e la scorsa notte perquisito tutte le abitazioni a “blocchi di edifici” e lo hanno stanato. Angrisano ora nel carcere di Secondigliano, è il 15esimo latitante catturato quest'anno dai carabinieri.

Carabinieri (foto generica)
Carabinieri (foto generica)

Chi è Gaetano Angrisano 

Angrisano è il cognato di Salvatore Petriccione, uno che negli anni è stato ai vertici della camorra di Secondigliano; quando il boss della Vanella Grassi, è finito in carcere, il 31enne è diventato il capo de gruppo. Il suo quartier generale tra il Lotto G e Malaga, dove fu arrestato nel 2021. Doveva scontare 10 anni per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, sentenza di un processo nato dalla retata che nel 2014 che portò in cella tutti i vertici della cosca nata e cresciuta all'ombra del clan Di Lauro prima e degli scissionisti dopo. Ma la sentenza fu annullata dalla Cassazione e così Angrisano venne scarcerato ed era a piede libero quando arrivò la condanna successiva della Corte d'Appello di Napoli a febbraio dell'anno scorso. Poi la latitanza, non troppo lontano dal suo quartiere. 

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui