Mercoledì 22 Maggio 2024

Chi è Gianluca Festa, l’ex sindaco con la passione per la squadra di basket di Avellino. Nell’inchiesta un “gioco” di appalti e sponsorizzazioni

Tra gli indagati dalla procura per presunti appalti pilotati c’è anche l’amministratore della squadra cittadina di pallacanestro

Gianluca Festa durante una partita della squadra di basket di Avellino (foto Facebook)

Gianluca Festa durante una partita della squadra di basket di Avellino (foto Facebook)

Avellino, 18 aprile 2024 – La squadra di basket della sua città e la politica di Avellino. Due passioni che si incontrano con Gianluca Festa, 50 anni, sindaco di Avellino dal giugno del 2019, si è dimesso il 25 marzo scorso quando la procura di Avellino gli ha perquisito casa e ufficio. E proprio nel corso della comunicazione della notizia alla stampa, fece riferimento al suo amato basket, e al fatto che quanto li contestava la procura era relativo alla pallacanestro.

Approfondisci:

Avellino, corruzione in Comune: arrestato il sindaco dimissionario Festa, perquisizione per la vicesindaco

Avellino, corruzione in Comune: arrestato il sindaco dimissionario Festa, perquisizione per la vicesindaco

Il salvataggio della squadra di basket

Quando venne eletto, infatti, la squadra della città, lo storico club Scandone, fondato nel 1948 e per 20 anni in serie A, era fallito. Lui vi aveva giocato come titolare nel 1995. Uno smacco per Avellino e i tifosi, quel fallimento, e così, pur di salvare la pallacanestro, Festa versò 20 mila euro dal suo conto corrente per garantire l'iscrizione di una squadra irpina al campionato di serie B.

Gianluca Festa, sindaco dimissionario di Avellino (foto Facebook)
Gianluca Festa, sindaco dimissionario di Avellino (foto Facebook)

Le sponsorizzazioni

Ora Festa è ai domiciliari, indagato tra gli altri insieme all'amministratore delegato della squadra, la DelFes, Gennaro Canonico, per presunti appalti pilotati al Comune di Avellino per i reati di corruzione, associazione a delinquere, turbativa d'asta e falso in atto pubblico. Alcune delle imprese che si sono aggiudicate gli appalti hanno anche sostenuto economicamente la società di basket con sponsorizzazioni.

"Aspetteremo l’esito delle indagini”

"Non c'è niente perché non c'è mai stato niente e anche dalle perquisizioni non è emerso nulla. Chi pensava che questa fosse una bomba, si è ritrovato in mano una miccetta. E se qualcuno pensava di poter condurre con questi argomenti la campagna elettorale che si avvicina, ha sbagliato. Perché noi siamo persone perbene e aspetteremo l'esito delle indagini. Che non porteranno a nulla", aveva detto Festa all'indomani delle perquisizioni, meno di un mese fa e prima dell’arresto di stamattina.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui