29 gen 2022

Bombe artigianali con chiodi e droga in casa di 40enne ai domiciliari: ora è in carcere

Lo stesso tipo di ordigni usato nell'attentato a Lione del 2019. Nel blitz dei carabinieri con unità cinofile ad Afragola e Cardito trovato anche fucile a canne mozze rubato

featured image
Carabinieri Napoli: la bomba artigianale con chiodi

Napoli, 29 gennaio 2022 - Due bombe, di quelle artigianali costruite per distruggere e uccidere. O per ferire, nel modo più atroce. In una di queste, infatti, all'interno, c'erano chiodi metallici, come l'ordigno utilizzato nel maggio del 2019, a Lione, in Francia, dove più di dieci persone furono ferite dai chiodi sparati a velocità impressionanti dopo la deflagrazione di un congegno simile. 

Le due bombe erano nascoste nell'abitazione di Carmine Polito, 40enne già sottoposto ai domiciliari. Il 40enne di Cardito è stato arrestato anche per detenzione di droga a fini di spaccio. Oltre agli esplosivi infatti nascondeva in casa mezzo chilo di marijuana e 83 grammi di hashish: con gli stupefacenti anche un bilancino di precisione. Polito è ora in carcere, in attesa di giudizio. 

Il blitz con le unità cinofile

I carabinieri della compagnia di Casoria hanno setacciato le cittadine di Cardito e Afragola con decine di pattuglie e con la preziosa collaborazione del fiuto delle unità cinofile del nucleo di Sarno. Non solo bombe ma anche armi da fuoco nel bilancio finale del servizio. Un fucile a canne mozze e una cartuccia calibro 12 sono stati rinvenuti in una traversa sterrata di campagna, in via Cinquevie nel comune di Afragola. L'arma è risultata provento di un furto commesso nel comune di Giugliano in Campania nel 2019.  
I militari hanno poi denunciato un 28enne di Orta di Atella. Nella sua abitazione hanno trovato una patente contraffatta, intestata ad un cittadino marocchino residente a Torino. Per l'uomo è scattato anche il sequestro di una somma contante di 5.300 euro e di un bilancino di precisione. Il denaro, questa una delle ipotesi, sarebbe provento di attività illecite.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?