Martedì 25 Giugno 2024

Rolex e Rocca: l’eccellenza dei dettagli. In Galleria la nuova boutique è magia

La nuova boutique Rolex e Rocca in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, progettata da Acpv Architects, unisce storia e modernità in tre livelli di eleganza e esclusività, offrendo un'esperienza d'acquisto unica nel Salotto di Milano.

Rolex e Rocca: l’eccellenza dei dettagli. In Galleria la nuova boutique è magia

Rolex e Rocca: l’eccellenza dei dettagli. In Galleria la nuova boutique è magia

In Galleria Vittorio Emanuele II a Milano Rolex e Rocca hanno aperto da qualche mese una nuova boutique. Dunque, tra piazza della Scala e piazza del Duomo, la Casa della Corona rafforza la sua presenza in città con uno spazio, che ne testimonia l’eccellenza e l’attenzione ai dettagli. Tanto negli orologi quanto nel realizzare il punto vendita, il cui progetto è stato affidato allo studio Acpv Architects Antonio Citterio Patricia Viel.

I lavori hanno visto un importante intervento di restauro, per restituire il nuovo negozio su tre livelli, dove rivivono l’atmosfera milanese, i codici storici e originali della Galleria, costruita in stile neorinascimentale. Il tutto reinterpretato in chiave contemporanea. Gli spazi sono stati progettati per guidare i clienti attraverso un’esperienza di acquisto adatta a qualsiasi esigenza.

Entrare da Rolex nel Salotto di Milano è come immergersi nella storia del marchio, nel suo mondo, fatto non solo di segnatempo, ma anche di sport, spettacolo, musica, arte e cultura. Un universo coronato raccontato nei tre piani su cui si sviluppa la boutique: un piano terra per l’accoglienza dei clienti, un piano ammezzato dedicato alla vendita e uno superiore esclusivo.

Il piano terra è concepito come un’estensione della Galleria, riproponendone i motivi, le geometrie e la pavimentazione in terrazzo veneziano. Per salire ai piani superiori si può scegliere la scala caratterizzata da una pavimentazione in terrazzo, dove la boiserie in noce, raffinata lavorazione di ebanisteria, evidenzia la verticalità dello spazio, oppure la moving room, uno spazio espositivo che in realtà cela un ascensore.

Il piano ammezzato, dedicato alla vendita, evoca l’atmosfera di un salotto milanese, mentre il piano superiore, che conserva l’identità del luogo, con il soffitto restaurato che preserva le tracce di diverse epoche e la pavimentazione originale in terrazzo veneziano, riportata al suo originale splendore grazie ad un meticoloso lavoro di restauro è riservato alle vendite esclusive.

Amelia Zacco