Lunedì 15 Luglio 2024
EVA DESIDERIO
Moda

Ecco Milano Fashion Week, attesissime le sfilate di Tom Ford e Gucci

La ‘guerra’ dello stile si corre dal 20 al 24. Lunedì 25 dedicato a 5 defilé on line

Cristina Parodi con Crida Milano

Cristina Parodi con Crida Milano

Milano, 18 settembre 2023 – Oggi giornata di anteprima della vigilia di Milano Fashion Week, domani, già piena di appuntamenti e idee. Con un calendario di soli 5 giorni la “guerra” dello stile, stretta tra le sfilate donna di New York, Londra e Parigi (che comincia il 26 settembre con Dior), si corre dal 20 settembre, mercoledì, al 24 domenica, con lunedì 25 dedicato a 5 defilé on line, tra i quali Laura Biagiotti (che entra in questa modalità in calendario di CNMI) ma che ha già sfilato al Piccolo Teatro Studio Melato oggi. Come pure ha fatto in altra location Martino Midali, Miss Bikini e poi la presentazione di Crida Milano, marchio nato dall’intuizione di Cristina Parodi con l’amica Cristina Palazzi.

Insomma, i defilè prima della prima, per conquistare spazi coi clienti e coi media, perché nel calendario ufficiale c’è spazio solo per 67 sfilate fisiche, 72 presentazioni, 4 presentazioni su appuntamento e 31 eventi. Rientra Aigner, torna a sfilare a Milano dopo alcuni anni newyorkesi Chiara Boni con la sua Petite Robe, Dolce e Gabbana supportano il giovane talento di Karoline Vitto, debutta a Milano anche The Attico coi suoi famosi abiti da sera dopo l’entrata in società col 49% di Remo Ruffini patron di Moncler.

La sfilata di Martino Midali
La sfilata di Martino Midali

La maison dei celebri piumini fuori calendario all’Hotel Portrait della catena Lungarno Hotel della famiglia Ferragamo lancerà la collezione creata con Pharrel Williams. Attesissimo anche il debutto di Tom Ford, marchio recentemente acquisito dalla Estèe Lauder, con l’allievo del mitico Tom, il creativo Peter Hawkings. E lo sbarco milanese del brand americano racconta da solo tutto il prestigio e il valore della capitale italiana del pret-à-porter. Con un enorme sforzo il Presidente della Camera della Moda Carlo Capasa è riuscito a chiudere il cerchio del calendario ma le presentazioni in passerella (coi relativi e consueti ritardi, senza dire del traffico) si svolgono a meno di un’ora una dell’altra.

Tutti gli sguardi sono per le vie di Brera dove il 22 settembre sfila Gucci secondo il tocco nuovo e ancora sconosciuto di Sabato De Sarno che ha deciso di portare la sua mostra in strada, nei mitico quartiere degli intellettuali e degli artisti. Una svolta e al tempo stesso una rivoluzione si annuncia per lo stilista napoletano che fino a pochi mesi fa è stato il braccio destro di Pierpaolo Piccioli di Valentino anche per l’alta moda. Un professionista di valore che in visto di questo debutto epocale ha voluto “azzerare” l’epoca di Alessandro Michele bandendo tutti i post realizzati su Instagram: ma dalla maison fiorentina in mano al Gruppo Kering precisano che i post non sono stati cancellati ma solo archiviati. Intanto De Sarno sul suo profilo Instagram posta la parola “Ancora”, e dice romanticamente di riprovare ancora una volta l’ebbrezza e l’emozione di fare moda. “Gucci è l’occasione per innamorarmi della moda, ancora”, scrive Sabato.