Madras, origini e caratteristiche del tessuto

Un viaggio alla scoperta del Madras, tessuto leggero di cotone, tipicamente a quadri o a righe così caro ai guardaroba "old-money"

Camicia in Madras, photo courtesy Original Madras Trading Company

Camicia in Madras, photo courtesy Original Madras Trading Company

Cosa può collegare un tessuto di cotone leggero a quadri, popolare in tutto il mondo, e una città sulla costa meridionale dell'India? Il Madras, tessuto leggero di cotone, tipicamente a righe o a quadri così caro ai guardaroba "old-money", tessuto tipico di molte camicie sartoriali di aziende italiane rinomate come il Lanificio Vitale Barberis Canonico e la Sartoria Crimi a Palermo, ma anche di brand di lusso come Ralph Lauren, venne adottato inizialmente dalla ricca élite americana degli anni '50, ma, in realtà, trova le proprie origini in un villaggio di pescatori dell'India meridionale...

Le origini nel villaggio di Madrasapattinam e le influenze scozzesi

Per secoli, i pescatori e gli agricoltori locali del sonnolento villaggio di pescatori di Madrasapattinam (in seguito chiamato Madras, e ora una grande città chiamata Chennai) indossavano un tessuto di mussola tessuto a mano in un arcobaleno di quadri, come lungis (i parei) che erano adatti a il clima caldo e umido dell’India meridionale. Originariamente il Madras era di un cotone molto fine tale da rendere la stoffa quasi trasparente. «La vera definizione di Madras è un panno di puro cotone tinto in filo ad armatura semplice con un disegno irregolare che include un minimo di due colori e, soprattutto, tessuto a Madras con puro cotone indiano» afferma Prasan Shah, che dirige la Original Madras Trading Company, un'azienda a conduzione familiare. Il nonno di Shah fondò l'azienda nel 1973, quando arrivò a New York da Madras con un baule pieno di campioni di questo tessuto. Alcuni hanno ipotizzato che gli abitanti di Madras si siano ispirati ai tartan indossati dai reggimenti scozzesi, di stanza in città come forze di pace nel 1800, e li abbiano adattati all'estetica locale. Ma in realtà un tessuto con questi motivi esisteva già da centinaia di anni prima dell’arrivo degli scozzesi... «La tessitura del cotone nel Sud dell'India era rinomata per secoli prima che gli inglesi costruissero un porto a Madras nel XVIII secolo, ma furono questo porto e la Compagnia britannica delle Indie Orientali che portarono i tessuti di Madras ad essere commercializzati in tutto il mondo moderno» prosegue Scià.

I quadri: un motivo ricco di significati

Il ricercatore tessile di Chennai, Sreemathy Mohan, afferma che la costa di Coromandel è sempre stata rinomata per i suoi tessuti, in particolare quelli a quadri tessuti a mano. «Nella cultura Tamil, la griglia è sempre stata un simbolo potente ad esempio nei kolam (ovvero i disegni disegnati sul pavimento). Anche le divinità nei nostri templi sono state vestite con tessuti a quadri. I sari nuziali in molte comunità erano tessuti a mano di solito nei colori rosso, blu, bianco e giallo (…). Fabbricati con il telaio a mano su tessuto di mussola, questi semplici quadri erano conosciuti con nomi diversi: quadri di Madras, stoffa di George (da Fort St George a Madras), stoffa di Guinea» continua Mohan. «Anche il suo odore di olio e coloranti vegetali era caratteristico». Poiché venivano tinti utilizzando coloranti naturali come l'indaco e la curcuma, i colori non erano stabili e ogni volta che venivano lavati i colori apparivano diversi: da qui viene il nome Bleeding Madras (Madras sanguinante), che indicava il processo di leggero scolorimento durante il lavaggio.

In viaggio verso l'Occidente

Nel suo libro Asian Ricamo, la storica dell'arte Jasleen Dhamija fa risalire la prima esportazione di tessuto a quadri sotto il nome Madras al 1660, quando i mercanti britannici usarono il termine Real Madras Handkerchief, o RMHK, per descrivere rotoli di tessuto lunghi 8 metri che potevano essere tagliati in tre fazzoletti quadrati per evadere una tassa. La stoffa RMHK venne commercializzata in Africa occidentale sin dal XVI secolo. I commercianti di schiavi portoghesi barattavano la stoffa a Londra in cambio di schiavi da inviare, poi, nelle Americhe. Fu esportato anche nelle colonie africane come la Nigeria, dove RMHK divenne noto come "Injiri" che significa "vera India". Per la comunità Kalabari locale divenne il dono cerimoniale per i neonati e veniva utilizzato anche per adornare i morti. In Paesi come il Ghana e la Costa d'Avorio, le spose indossavano abiti realizzati con questo materiale nel XVIII e XIX secolo. Il Madras è popolare da secoli anche nei Caraibi e si pensa che sia stato portato lì da servi indiani nella prima metà del XIX secolo. Il tessuto fu presto adottato da molte isole dei Caraibi e rimane ancora oggi molto popolare nella regione. Il tessuto raggiunse presto gli Stati Uniti. Elihu Yale, che all'epoca era il governatore di Madras, e da cui prese il nome l'Università di Yale, donò denaro, libri e rotoli di tessuto Madras al college. Nel 1897 Sears, la società di cataloghi di vendita per corrispondenza, pubblicò un catalogo con una selezione di camicie Madras per i propri acquirenti. Ciò rese il tessuto popolare negli Stati Uniti per camicie, pantaloni e giacche sportive.  

Un tessuto di culto nell'America degli anni '50

Molti americani indossavano capi in Madras in vacanza e presto divenne uno status symbol negli Stati Uniti. Velocemente si affermò come un “immancabile” nel guardaroba degli studenti della Ivy League, e negli anni '50 negli Stati Uniti divenne sinonimo di ricchezza e svago, ed era considerato il look preferito dei gentiluomini. In “Mad Men”, i dirigenti pubblicitari vengono mostrati con addosso giacche e camicie sportive a quadri Madras. Nel 1958, William Jacobson, uno dei principali esportatori tessili, acquistò il tessuto dal capitano CP Krishnan di Leela Lace e lo vendette a Brooks Brothers, che lanciò una linea di quadri Madras per uomini e donne, ma dimenticò di sottolineare che il tessuto avrebbe perso colore durante il lavaggio e che doveva essere quindi lavato delicatamente in acqua fredda. Con un'abile strategia di marketing, il tessuto venne venduto come “miracoloso”, il tessuto “che sanguina”. Cambiamenti nelle tendenze, il passaggio negli anni '80 dai telai a mano ai telai elettrici e la tecnologia per colorazioni che non stingono hanno contribuito alla lenta scomparsa del tessuto originale Bleeding Madras. Ma la produzione di massa portò alla comparsa ovunque di versioni del tessuto a quadri, in parte perché i “Madras check” non avevano una denominazione di origine o un’indicazione geografica che avrebbe reso illegale chiamare Madras Check il tessuto prodotto al di fuori di questa regione. Molte imitazioni di plaid realizzate a macchina furono vendute poi in tutto il mondo.

Il Madras check, bello, semplice e iconico, ha viaggiato per il mondo, è stato adottato da molte culture e rimane ancora moderno e attuale

Nel corso degli anni, marchi e designer di moda globali come Ralph Lauren, Prada e Gucci hanno utilizzato e utilizzano ancora oggi il Madras check nelle loro collezioni. Nel frattempo, anche in India, il Madras sta godendo di un nuovo status nella moda. La designer Aneeth Arora di Pero, che crea abiti sostenibili utilizzando artigiani indiani e design occidentali, ha incorporato il Madras nel suo lavoro. La designer Chinar Farooqui con la sua etichetta Injiri utilizza tessuti fatti a mano e artigianato tradizionale e locale indiano e fa ampio uso dei quadri Madras nelle sue creazioni. E la Original Madras Trading Company è ora rifornita in tutto il mondo. Anche la stilista e revivalista tessile con sede a Madrid Kavita Parmar, attraverso il suo progetto IOWEYOU, realizza capi che possono essere fatti risalire ai loro tessitori senza intermediari e in molte proposte usa il Madras. La Parmar si avvale dei maestri sarti del suo atelier in Spagna per trasformare semplici lungis a quadri in eleganti giacche, camicie, gonne e abiti. Ogni prodotto ha un codice QR che, una volta scansionato, mostra gli artigiani che hanno creato l'oggetto. Il Madras check è bello, semplice e iconico, invecchia magnificamente e rimane ancora moderno e attuale.