Mercoledì 24 Aprile 2024

Vita in camper e van: pro e contro di un taglio ‘radicale’

Sempre più famiglie e giovani, in Italia, scelgono di vivere per lunghi periodi in mini case mobili attrezzate ed economiche

Camper life: pro e contro della vita in van - Crediti: iStock

Camper life: pro e contro della vita in van - Crediti: iStock

Roma, 3 aprile 2024 – Dopo il biennio di pandemia e i lunghi periodi di lockdown, sono molte le persone, in ogni parte del mondo, che hanno riscoperto il piacere di stare in mezzo alla natura. A tal punto che un numero crescente di individui, in Italia e all’estero, decidono di fare un cambiamento di vita radicale e di andare a vivere in camper o in van per tutto l’anno, non solo in occasione di gite e vacanze.

Il successo in Italia

Il nostro Paese, tra l’altro, rappresenta un’eccellenza nella produzione di questi mezzi di trasporto dopo la Germania e la Francia. Nel 2023, le immatricolazioni di questi veicoli hanno registrato una crescita a due cifre, con un interesse crescente da parte di famiglie e giovani. Anche il New York Times si era occupato di questo fenomeno, sottolineando il ruolo dei social che hanno fatto e continuano a fare da volano, dando ampia visibilità a un simile stile di vita, sdoganandolo sempre di più e aumentandone il fascino nel caso in cui i protagonisti di post, video e Stories a bordo di camper e van siano anche abili a comunicare – e confezionare – contenuti accattivanti sulla Rete.

Pro

Ci sono alcune differenze principali tra camper e van, con i primi che sono più grandi e comodi dei secondi, ma anche meno agili e più difficili da manovrare e parcheggiare. Posto ciò, entrambi offrono una serie di vantaggi. Intanto, sia che si opti per il noleggio, sia che si acquisti un veicolo dell’una o dell’altra tipologia, i costi sono notevolmente inferiori rispetto all’affitto di un appartamento o al mutuo per un’abitazione, senza considerare le spese condominiali per la manutenzione ordinaria e, ancor più, le spese straordinarie.

Lo stile di vita in camper e van permette una libertà e autonomia, consentendo di spostarsi liberamente. In questo modo si ha diverso tempo a disposizione per dedicarsi alle proprie passioni e esplorare nuove culture e paesaggi. Il contatto con la natura è un altro valore aggiunto. Vivere in questo modo aiuta a uscire dalla propria comfort zone, provando a oltrepassare i propri limiti e a lanciarsi in qualche avventura che rappresenta un momento di crescita interiore, concentrandosi, allo stesso tempo, su ciò che è essenziale.  

Contro

Non è un vero e proprio svantaggio, ma certo va considerato nel modo giusto e con la dovuta attenzione. Si sta parlando, cioè, delle spese che andranno affrontate, tra cui costi iniziali e fissi come l'acquisto o il noleggio di un camper o di un van e quelli per bollo e assicurazione. Su mini case mobili come quelle non si hanno a disposizione luce e gas in quantità illimitate: occorre una meticolosa pianificazione. Idem per gli spazi ridotti. Non sempre si trovano aree attrezzate in modo adeguato al parcheggio e alla sosta.

Anche se una vita del genere, trovati i contesti più favorevoli, consente di farsi nuovi amici e riscoprire i rapporti umani più autentici, vanno messi in conto anche momenti di solitudine che potrebbero essere difficili da gestire per chi non è abituato. I continui spostamenti, inoltre, non favoriscono rapporti stabili e lavori continuativi.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro